Biglietti di Natale di carta da piantare per salvare il pianeta

I biglietti di Natale in carta da piantare della Republic of Changes combattono il cambiamento climatico e riportano le mangrovie in Madagascar

Biglietti di Natale di carta da piantare per salvare il pianeta

 

(Rinnovabili.it) – “Immagina se gli alberi ci dessero il wi-fi gratis. Tutti si metterebbero a piantare come matti. E’ un peccato che ci diano solamente l’aria che respiriamo.” Il gruppo californiano Republic of Change apre con questa citazione di Anon la campagna che ha lanciato su Indiegogo per dar vita a 100.000 nuovi alberi, che combatteranno il cambiamento climatico e renderanno il mondo un posto migliore. Comprando online biglietti per regalo in carta da piantare – una mistura di cellulosa e semi – le persone possono spronare i loro cari a fare qualcosa di pratico per ridurre la concentrazione nell’aria di CO2 e combattere il cambiamento climatico.

Ogni albero che piantiamo, sottrae all’atmosfera 25 kg di CO2 ogni anno. Piantare 10 nuovi alberi vuol dire assorbire 250 kg di anidride carbonica ed ammortizzare le emissioni di un mese di riscaldamento di una casa o tre settimane di guida.

 

Su ogni biglietto di carta da piantare appare la scritta: “Un albero è stato piantato con il tuo nome: Il tuo albero assorbirà circa 25 chili di CO2 dall’atmosfera ogni anno. Sorridi. Stai facendo del mondo un posto migliore.”

 

Oltre ai biglietti di carta da piantare il gruppo di ragazzi californiani produce magliette in cotone biologico ed altri gadget per finanziare la campagna di rimboschimento delle mangrovie in Madagascar. Questa specie è stata scelta perché ha un potere di depurazione dell’aria del 4 volte maggiore di quello delle piante decidue, inoltre le mangrovie hanno un’ottima resistenza agli agenti esterni e incoraggiano la biodiversità terrestre e marina.

Il Madagascar è stato scelto perché più le piante sono vicine all’equatore più è efficace la loro lotta al cambiamento climatico. Inoltre la missione della Republic of Change darebbe un lavoro alle persone che in questo stato vivono in condizioni di estrema povertà e porterebbe nella loro terra scuole ed ospedali.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui