Ecodesign: quando il pallet diventa green

Palm SpA è un’azienda che da sempre produce pallet secondo criteri di ecoprogettazione che le hanno fatto conquistare un posto tra le 90 “B Corp”

pallet

(Rinnovabili.it) – La green economy che non ti aspetti. Palm SpA è un’azienda che da sempre produce pallet secondo criteri di ecoprogettazione che le hanno fatto conquistare un posto tra le 90 “B Corp” (ovvero Benefit Corporation) italiane (in tutto il mondo ce ne sono tremila). La B Corp è un’azienda che rispetta standard di performance, responsabilità e trasparenza ottimizzando il suo impatto positivo nei confronti dei dipendenti, del territorio e dell’ambiente: in altre parole la B Corp non guarda solo il profitto, ma cerca di conciliare l’economia con l’etica e la sostenibilità.

Palm SpA è nata negli anni Sessanta come azienda artigianale e ha mostrato subito un approccio innovativo: per conciliare il risparmio economico con la tutela ambientale il fondatore Guido Barzoni riuscì a progettare degli imballaggi più leggeri che offrissero le stesse prestazioni di quelli pesanti.

Leggi anche Dalle “macerie” della tempesta Vaia nasce l’edificio in legno più alto d’Italia

La materia prima – legno di abete e di pino – proviene dal nord Europa, da foreste gestite secondo i principi ecosostenibili certificati di FSC (Forest Stepward Council) e PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification schemes). L’idea ha destato l’interesse dei proprietari forestali italiani che stanno orientando la gestione dei boschi secondo i criteri FSC e PEFC, e con la piantumazione locale di pioppi Palm SpA ottiene il duplice risultato di dare impulso all’economia del territorio e di ridurre l’impatto ambientale con trasporti su distanze ridotte: il pallet di Palm SpA ha ridotto di ben il 52% le emissioni di CO2.

Già negli anni Novanta Palm SpA aveva iniziato a valutare i processi produttivi, oggi utilizza il Life Cycle Assessment per analizzare l’impatto della propria produzione. L’azienda – che oggi è guidata da Primo Barzoni, figlio del fondatore – è un esempio di economia generativa. Palm SpA ha acquistato il legname degli alberi abbattuti nel 2018 dal maltempo in Veneto e Trentino a un prezzo equo: un modo molto concreto per combattere le speculazioni e contribuire alla ricostruzione dei boschi.

Barzoni crede nell’economia circolare: produce una linea di pallet da legno recuperato dagli scarti di lavorazione dei compensati, altrimenti destinati allo smaltimento come scarti. Ma non si ferma qui: Palm SpA ha talmente presenti gli Obiettivi dell’Agenda 2030 da averne già raggiunti sette. Ora, per fare un ulteriore passo avanti, sta lavorando per raggiungere la parità di genere ed è stata riconosciuta tra i #GreenHeroes, l’iniziativa lanciata da Alessandro Gassmann con la supervisione scientifica di Kyoto Club per divulgare modelli di green economy tutti da imitare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui