Rifiuti, in arrivo 1,5mld per raccolta differenziata e riciclo in chiave Pnrr

La comunicazione del ministero della Transizione ecologica. Il 30 settembre saranno pubblicati i decreti. Il ministro Cingolani: “Mettiamo in moto il grande filone di interventi del Pnrr, quello dedicato all’economia circolare. I progetti partiranno nelle prossime settimane”

Rifiuti speciali

(Rinnovabili.it) – Dal ministero della Transizione ecologica è in arrivo un miliardo e mezzo di euro per i rifiuti, in particolare per la raccolta differenziata e il riciclo. Lo comunica lo stesso ministero facendo presente che il 30 settembre verranno pubblicati i decreti con i criteri di selezione dei progetti relativi agli investimenti per le infrastrutture a supporto della raccolta differenziata e per gli impianti di riciclo.

La misura punta a conseguire gli obiettivi Ue di riciclo, che prevedono al massimo il 10% dei rifiuti in discarica e il 65% di riciclo. Soddisfatto il ministro Roberto Cingolani: “Mettiamo in moto il grande filone di interventi del Pnrr, quello dedicato all’economia circolare. I progetti partiranno nelle prossime settimane”.

Gli investimenti comprendono misure di potenziamento, digitalizzazione e ammodernamento delle infrastrutture per la raccolta differenziata e si muovono lungo tre direttrici: infrastrutturazione della raccolta differenziata, impianti per il riciclo delle frazioni della differenziata, e flussi critici. “Bisogna migliorare sia la quantità che la qualità di quello che viene raccolto – osserva Cingolani – e l’introduzione di nuove tecnologie faciliterà la raccolta per i cittadini”.

Il 60% degli investimenti sugli impianti di riciclo andrà al Centro-Sud. Una particolare attenzione verrà dedicata alla frazione organica che oggi costituisce il 30% circa di tutta la produzione di rifiuti e che dovrà essere valorizzata per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di riciclo e di decarbonizzazione. Un altro pezzo fondamentale del progetto ‘Città circolari’ del ministero della Transizione ecologica riguarda i rifiuti speciali, come i fanghi provenienti dagli impianti di depurazione che oggi costituiscono una criticità spesso affrontata con strumenti emergenziali e che invece saranno sfruttati al meglio nell’ottica del modello di economia circolare. La chiave di lettura – che rientra obbligatoriamente nel percorso del Pnrr – è quella offerta da Cingolani: “Il riciclo e il riutilizzo sono essenziali per la correzione del nostro modello di sviluppo”.

Articolo precedenteEmpire City, la smart city del Vietnam ispirata alle risaie
Articolo successivoIl riscaldamento globale infiamma le acque del Mediterraneo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui