Aceto Ponti, meno plastica più riciclo

L’impegno per la sostenibilità di Aceto Ponti si realizza attraverso un nuovo modello produttivo in grado di ottimizzare i processi e ridurre le risorse impiegate. L’ultima innovazione riguarda la riduzione della plastica nelle confezioni e l’utilizzo del Pet riciclato

aceto ponti

(Rinnovabili.it) – Il 1787 è l’anno di nascita di Aceto Ponti, il Gruppo al vertice della produzione mondiale dell’Aceto di Vino, dell’Aceto di Mele e dell’Aceto Balsamico di Modena. Da allora si sono avvicendate nove generazioni di una famiglia che è rimasta fedele ai valori di qualità e sicurezza del prodotto. Nel tempo si sono aggiunti altri valori irrinunciabili: uno di questi è la sostenibilità ambientale. Dal 2015 Ponti fa il report di sostenibilità e dal 2017 ha deciso di integrare i suoi obiettivi con quelli dell’Agenda Onu 2030: la loro realizzazione viene misurata dal Bilancio di sostenibilità aziendale certificato da un ente esterno. Questo cammino costante ha portato all’impiego di energie rinnovabili, a ridurre il consumo di acqua e i rifiuti non riciclabili.

L’impegno per la sostenibilità si realizza attraverso un nuovo modello produttivo in grado di ottimizzare i processi e ridurre le risorse impiegate. Questi valori sono alla base del codice etico, stilato nel 2012, che orienta scelte e comportamenti di lavoratori, fornitori e clienti di Ponti.

Investire in tecnologie per la sostenibilità

Il Gruppo Ponti non si accontenta degli obiettivi raggiunti e ogni anno alza l’asticella per migliorare gli indicatori di sostenibilità: partendo dal riferimento degli Obiettivi dell’Agenda 2030, Ponti valuta le proprie scelte dal punto di vista sociale e ambientale, investendo in tecnologie all’avanguardia che mantengono i più elevati standard qualitativi.

L’azienda si è impegnata ad adottare un modello di economia circolare, in linea con gli obiettivi Onu: alla fine del loro ciclo di vita, i prodotti non diventano rifiuti ma nuove risorse con cui creare nuovi prodotti e ridurre l’impatto ambientale. L’86% dei prodotti Ponti è confezionato in vetro, materiale riciclabile al 100% che può essere reimmesso infinite volte nel ciclo produttivo.

L’ultima innovazione – che ha richiesto oltre un anno di ricerca – è la riduzione del 15% della quantità di plastica per ogni bottiglia di Aceto di Vino nel formato da 1 litro e l’utilizzo di Pet riciclato (Rpet) per le bottiglie da 1 litro e da 0,5 litri. Questo equivale a risparmiare 398 tonnellate di Pet vergine e a ridurre le emissioni di 784 di tonnellate di CO2: in pratica la stessa quantità assorbita da 52.300 alberi in un anno. La novità sarà comunicata al consumatore con un bollino riportato in etichetta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui