Il riciclo delle bottiglie di plastica nel settore del trasporto aereo

Lufthansa, l’aeroporto di Francoforte e Qatar Airways hanno aperto le porte al riciclo della plastica usata a bordo degli aerei

plastica
Credits: Lufthansa

di Andrea Barbieri Carones

(Rinnovabili.it) – Il settore del trasporto aereo apre le porte al riciclo delle bottiglie di plastica. A cimentarsi nell’impresa è Lufthansa e l’aeroporto di Francoforte, uno dei principali hub europei e mondiali in cui ogni anno transitano decine di milioni di persone. La notizia è che la compagnia aerea e Fraport – la società che gestisce lo scalo tedesco – sono pronte a raccogliere e riciclare milioni di bottiglie in plastica.

Le due aziende hanno lavorato insieme a Hassia Mineralquellen, una società che commercializza alcune delle migliori acque minerali della Germania. Quest’ultima ha testato una strategia di riciclaggio a circuito chiuso alla fine del 2021 che da quest’anno approderà nello scalo tedesco.

Attualmente circa il 60% del peso dei rifiuti di un aeromobile commerciale è rappresentato dalle bottiglie in PET e dal loro contenuto. Questi rifiuti vengono raccolti separatamente dopo lo sbarco e consegnati a Hassia Mineralquellen, che le sottopone al processo di riciclaggio. La plastica viene recuperata e riutilizzata per creare nuove bottiglie da immettere sul mercato.

Sulla base dell’attuale volume del traffico aereo di Lufthansa, si prevede che solo quest’anno potranno essere raccolte circa quattro milioni di bottiglie in PET del peso di 72 tonnellate. Sulla base dei movimenti di volo e del fattore di carico per il 2019, i partner del progetto potrebbero raccogliere fino a 10 milioni di bottiglie in PET all’anno in futuro.

Riciclo delle bottiglie di plastica (e non solo) anche nei paesi arabi. Qatar Aircraft Catering Company, sussidiaria del gruppo Qatar Airways per il catering, ha raggiunto il suo one-year environmental sustainability target riciclando oltre un milione di chili di rifiuti di plastica.

L’azienda ha ridotto il suo volume annuale di rifiuti di quasi 1.688 tonnellate all’anno implementando programmi di riciclaggio per rifiuti come cartone, fusti chimici, bottiglie d’acqua in plastica e carta usata, che vengono inviati per il ritrattamento in beni venduti localmente ed esportati a livello internazionale. 

QACC serve più di 100.000 pasti ogni giorno ai passeggeri che volano da Doha, e sappiamo che questo ha un impatto significativo sui livelli di consumo. Riciclare un prodotto non è sufficiente, noi cerchiamo di avere un impatto sostenibile significativo e, di conseguenza, è nostra responsabilità cercare modi innovativi per riciclare beni e ridurre i rifiuti” ha detto Sascha Wolfersdorf acting senior vice president di Qatar Aircraft Catering Company.

Articolo precedenteLa Francia apre all’estrazione di litio sul suo territorio
Articolo successivoStoccaggio gas, ecco le contromisure UE al caro energia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui