Impianti sportivi in gomma riciclata

La proficua collaborazione tra Ecopneus e Uisp per realizzare impianti sportivi in gomma riciclata. Un valido esempio di economia circolare e di riuso di un materiale di scarto

gomma riciclata

(Rinnovabili.it) – “Valori e luoghi di sport: ambiente, sostenibilità e gli impianti dello sport per tutti” è l’incontro promosso da Uisp (un’associazione di promozione sportiva e sociale che ha l’obiettivo di estendere il diritto allo sport a tutti i cittadini) ed Ecopneus, la società consortile principale operatore della gestione dei Pneumatici Fuori Uso in Italia. 

Da quasi dieci anni Uisp ed Ecopneus sono impegnate a promuovere la cultura del riciclo e della legalità e a sensibilizzare sui tanti usi della gomma riciclata anche nell’impiantistica sportiva, contribuendo in questo modo a renderla maggiormente sostenibile.

Leggi anche Riciclare le mascherine usate, ora il cerchio si chiude

Molti i valori condivisi da Uisp ed Ecopneus in ambito sportivo e ambientale: sono molti, ormai, i dirigenti delle società sportive che hanno potuto apprezzare la qualità degli impianti realizzati con la gomma riciclata da Pneumatici Fuori Uso. Proprio questo, infatti, è il settore in cui i PFU riciclati trovano largo impiego con grande successo: dalle superfici polivalenti indoor e outdoor alle piste di atletica, dai campi da calcio, basket e tennis ai campi di gara per l’equitazione, dalle superfici per il benessere animale alle pavimentazioni antitrauma. Grazie alla collaborazione tra Ecopneus e Uisp sono ormai numerosi in tutta Italia questi impianti che costituiscono un valido esempio di economia circolare.

Sostenibilità e benessere animale

L’incontro “Valori e luoghi di sport: ambiente, sostenibilità e gli impianti dello sport per tutti” è anche l’occasione per inaugurare la “Via dei giochi” nell’impianto sportivo Fulvio Bernardini di Roma. L’impianto era stato riqualificato nel 2016 con la realizzazione di un nuovo campo in erba sintetica con gomma riciclata per calcio e rugby, omologato dalla Lega Nazionale Dilettanti; nello stesso intervento venne realizzata una pista di atletica oltre alla pavimentazione della palestra dedicata alla pesistica e un’area giochi per bambini con pavimentazione antitrauma. Una dimostrazione di come sia possibile riqualificare l’impiantistica sportiva in modo sostenibile riutilizzando un materiale di scarto.

Il primo intervento congiunto di Ecopneus e Uisp fu la riqualificazione del PalaMedolla a Medolla, nel modenese, dove dopo il terremoto del 2012 fu realizzata una superficie polivalente per volley, basket e ginnastica. A Prato c’è il primo centro che ospita 4 campi in gomma riciclata due indoor per il tennis e il calcio a 5 e altri due campi outdoor per il tennis. A Genova è stata invece realizzata una pista di atletica, a Sestri Ponente un campo da basket. Il centro ippico di Todi (PG) è stato riqualificato con pavimentazioni in gomma riciclata. A Siena è stato donato un campo da calcio per i 70 detenuti del carcere di Santo Spirito. 

Leggi anche Horizon Europe, 5,8 miliardi per la neutralità climatica

Un altro utilizzo interessante è a Orvieto (PG): la sabbia comunemente utilizzata nel campo di addestramento esterno del centro equestre Happy Horse è stata sostituita con una miscela di granulo di gomma e sabbia incapsulata. Ecopneus e Uisp nelle ultime edizioni di FieraCavalli a Verona hanno installato un campo di allenamento e gara in gomma riciclata e sabbia incapsulata.

Non basta solo ottimizzare le soluzioni tecniche. Per scegliere le migliori soluzioni per il benessere animale è stato condotto un progetto di ricerca per analizzare i vantaggi per l’animale dati dalle superfici e dalle pavimentazioni in gomma riciclata a cui ha preso parte il Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Perugia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui