Macerie post sisma: da riciclo inerti un aiuto per le aree terremotate

La proposta dell’Associazione Nazionale Aggregati Riciclati: “Avviare un tavolo tecnico sulla gestione delle macerie post sisma nel Centro-Italia”

riciclo inerti

 

 

La ripresa dei territori passa anche per il riciclo inerti

(Rinnovabili.it) – Ad oltre un anno dal terremoto che la scorsa estate ha colpito Marche, Lazio, Umbria e Abruzzo, la distruzione fa ancora bella mostra di sé. La maggior parte delle macerie post sisma giacciono ancora indisturbate nelle zone distrutte dalle scosse. Secondo Legambiente, che insieme a Fillea Cgil ha avviato un Osservatorio nazionale per una ricostruzione di qualità, ad agosto di questo anno risultavano rimosse appena 227.500 tonnellate dei 2.657.000 stimati dalle quattro Regioni.

 

L’appello, lanciato a più riprese in questo mesi,  è quello a velocizzare le procedure di recupero delle macerie e individuare altre zone dove poter trattare gli inerti riutilizzabili per la ricostruzione. Un tema di cui si è tornato a parlare proprio in questi giorni, in occasione del convegno “Macerie nel cratere, la gestione sostenibile”, promosso dall’associazione SpazioAmbiente e dal Comune di Ascoli Piceno nel capoluogo marchigiano. A prendere parte al tavolo di discussioni è stata anche l’ANPAR – l’Associazione Nazionale Aggregati Riciclati aderente a FISE UNIRE, che attraverso la voce del suo presidente, Paolo Barberi, ha illustrato il supporto che il settore del riciclo inerti può offrire alla ripresa del territorio.

 

>>leggi anche Rifiuti edili, riciclo fermo al 10% a causa di burocrazia e illegalità<<

 

Una ripresa post sisma che si fa urgente soprattutto nelle Regione Marche: su 87 Comuni colpiti dal terremoto, 52 sono ancora invasi da rifiuti edilizi e rovine e ben 9 sono ancora inaccessibili a causa dell’inagibilità delle vie di comunicazione, impossibilitati quindi ad avviare le operazioni di raccolta e riciclo inerti.

Come cambiare il passo? Avviando da subito “un tavolo tecnico sulla gestione delle macerie post sisma nel Centro-Italia che, insieme ai soggetti decisori, coinvolga anche gli operatori del riciclo dei rifiuti inerti con l’obiettivo di liberare i territori colpiti dalla presenza di questi rifiuti stimolandone l’effettivo recupero e utilizzo”, spiega Barberi.

 

>>Leggi anche Terre e rocce da scavo, da rifiuti a sottoprodotti<<

 

Un lavoro coordinato in cui ognuno deve svolgere il proprio ruolo: “Da una parte,  – aggiunge il presidente ANPAR – chi ha la responsabilità della programmazione e del governo delle azioni necessarie alla rimozione e al recupero dei rifiuti (coerentemente con i moderni principi di economia circolare dettati dall’Unione Europea e recepiti dallo Stato italiano) deve individuare le opere in cui è possibile impiegare questi prodotti riciclati, ad esempio per la ricostruzione delle infrastrutture di trasporto e di servizio; le aziende, da parte loro, devono essere pronte a riciclare le macerie provenienti dalle aree terremotate in conformità con le normative tecniche e ambientali in vigore, producendo materiali che rispondano ai requisiti dei capitolati tecnici delle opere da realizzare”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui