Raccolta del vetro, il tasso di riciclo raggiunge il 70,9%

Nel 2015 la raccolta differenziata del vetro è cresciuta del 3,5%, con punte di maggior crescita al Centro (+10,9%) e al Sud (+5,3%) 

Raccolta del vetro, il tasso di riciclo raggiunge il 70,9%

 

(Rinnovabili.it) – Se si parla di raccolta del vetro, gli italiani stanno dimostrando di aver imparato la lezione: riciclare è meglio di buttare.

Questa filiera della economia circolare è una delle più attive in Italia e i buoni frutti non tardano ad arrivare. Lo scorso anno la raccolta differenziata degli imballaggi in vetro, infatti, è cresciuta del 3,5% rispetto al 2014, raggiungendo il milione e 800 tonnellate recuperate. Un dato che va quasi di pari passo con quello dell’immesso al consumo, cresciuto anch’esso dell’1,9%, per un totale di oltre 2 milioni di tonnellate.

 

La fotografia del settore arriva oggi dal CoReVe – Consorzio Recupero Vetro che spiega come nel 2015 la buona gestione dei rifiuti del vetro abbia avuto numeri tutti in positivo. La raccolta pro capite più alta è stata quella del Nord, con 39,4 kg per abitante, seguita dal Centro con 26,4 kg/ab, mentre il Sud presenta un valore medio di 19,7 kg/ab. Ma se si deve fare i conti con il tasso di crescita gli incrementi più significativi si registrano al Centro (+10,9%) e al Sud (+5,3%). Il riciclo dei rifiuti di imballaggio in vetro in Italia è cresciuto del 2,9%

 

In aumento anche il tasso di riciclo che sale al 70,9%. Nel dettaglio, spiega CoReVe, le quantità riciclate a livello nazionale sono state 1.661.000 tonnellate con un incremento del 2,9% rispetto al 2014. “Siamo molto contenti degli ultimi dati sulla raccolta differenziata del vetro, in particolare per quanto riguarda le regioni del Centro-Sud e del miglioramento del tasso di riciclo”, ha commentato Franco Grisan, recentemente rieletto Presidente del Co.Re.Ve. “Però stonano l’aumento del 3,5% della raccolta con l’incremento del 2,9% del riciclato perché questi parametri ci dicono che la raccolta è aumentata più a livello quantitativo che qualitativo, soprattutto per poca attenzione da parte dei cittadini nelle operazioni di conferimento. Si conferma dunque la necessità di continuare ad investire in comunicazione e sensibilizzazione, tanto dei cittadini quanto delle amministrazioni locali per contrastare la presenza dei cosiddetti “falsi amici del vetro”, ceramica, cristallo e pyrex sugli altri”.

La buona crescita delle quantità raccolte, soprattutto nelle aree in ritardo del Centro e del Sud, è un dato confortante, anche se la strada per colmare le distanze esistenti nelle varie aree è ancora lunga.

Articolo precedenteTrivelle: concessioni scadute, il MiSE deve rispondere
Articolo successivoSidney sceglie l’architettura in legno per tagliare le emissioni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui