Riciclabilità imballaggi plastici: nasce la certificazione Corepla – CSI

Corepla e CSI S.p.A. daranno vita entro la fine del 2022 ad un laboratorio per la valutazione della selezionabilità e della riciclabilità dei diversi materiali plastici nel packaging

Riciclabilità imballaggi plastici
Photo by form PxHere

(Rinnovabili.it) – Il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli imballaggi in plastica, (COREPLA) e CSI S.p.A, società del Gruppo IMQ, insieme per migliorare la riciclabilità degli imballaggi plastici. L’accordo prevede una struttura, al servizio delle imprese, che verifichi e certifichi la potenziale seconda vita del packaging. Entro un anno è prevista la nascita di un laboratorio di prova. 

Il presidente di Corepla, Giorgio Quagliuolo, ha presentato con soddisfazione gli intenti dell’accordo: “Si tratta di un progetto che eleverà ulteriormente il livello di efficienza dei sistemi di riciclo dei prodotti in plastica, con la costruzione di un sistema sempre più raffinato ed efficiente di controllo e certificazione di tutti i passaggi che contraddistinguono il ciclo di vita degli imballaggi. Mi fa piacere sottolineare inoltre lo spirito di servizio con cui nasce questo laboratorio, che consentirà alle aziende che lo vorranno, di verificare preventivamente la riciclabilità dei loro packaging, e questo a tutto vantaggio del contenimento dei possibili impatti ambientali delle loro attività. Nel settore del trattamento virtuoso dei rifiuti, di qualsivoglia tipologia essi siano, occorre sapere guardare con lungimiranza e progettualità fattiva al futuro, e con questo progetto Corepla dimostra l’inossidabile volontà di rispondere concretamente agli obiettivi di sostenibilità che la comunità nazionale e internazionale ci chiede di raggiungere”.

leggi anche Bioplastica alla vanillina, per un riciclo on demand

Il percorso vedrà il protagonismo da entrambi i partner: CSI metterà a disposizione il proprio know how in materia di riciclabilità degli imballaggi plastici, assumendo su di sé il ruolo di ente certificatore, mentre Corepla apporterà il proprio contributo di competenze sulla gestione dei processi di selezione e riciclo.

Entro la fine dell’anno nascerà un laboratorio che supporterà Corepla nelle operazioni di caratterizzazione polimerica dei rifiuti per migliorare la qualità dei materiali plastici riciclati; la struttura sarà al servizio delle aziende che potranno certificare i propri imballaggi prima di immetterli sul mercato. 

La prospettiva designata dall’accordo è la costituzione di un polo di riferimento per le aziende che vogliano intraprendere percorsi virtuosi verso la sostenibilità e l’economia circolare riducendo i propri impatti ambientali.

Leggi anche Upcycling plastica, e se la stampa 3D utilizzasse i rifiuti?

Articolo precedenteIl deep sea mining stravolgerà un’area grande 18 volte l’Italia con l’inquinamento acustico dei mari
Articolo successivoGli italiani chiedono intermobilità e mobilità ecologica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui