Il lato sociale del riciclo della carta: 250mila euro ai comuni terremotati

Comieco consegna ai sindaci dei comuni vittime del sisma del 24 agosto, i fondi raccolti con la nuova campagna di sensibilizzazione

Il lato sociale del riciclo della carta: 250mila euro ai comuni terremotati

 

(Rinnovabili.it) – Il riciclo della carta mantiene le promesse, e nono solo quelle ambientali. All’indomani del terremoto del 24 agosto, Comieco, il consorzio nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, aveva lanciato una campagna di sensibilizzazione per aiutare la ricostruzione dei comuni colpiti dal sisma. Un’iniziativa realizzata in collaborazione con ANCI e Conai e in grado unire l’attenzione ai bisogni sociali a quelli ambientali. La campagna era basata su una semplice promessa, quella di trasformare il riciclo di carta e cartone in contributi economici per i Comuni terremotati. E ieri mattina, presso l’ex Liceo di Amatrice Parco Don Minozzi, il Consorzio ha consegnato nelle mani dei Sindaci e dei rappresentati istituzionali delle cittadine colpiti dal sisma, i 250 mila euro frutto dell’iniziativa.

 

I fondi sono il frutto dell’impegno di Comieco e delle stesse famiglie italiane a cui era stato chiesto di “riciclare quanto più possibile” . E per ogni cento chilogrammi di carta e cartone raccolti in più nel mese di settembre, Comieco ha destinato sette euro a favore  delle popolazioni colpite. L’incremento della raccolta, pari a 3.500 tonnellate di carta e cartone in più, si è tradotto in 250.000 euro consegnati stamane nelle mani dei primi cittadini e rappresentanti di Amatrice, Arquata del Tronto, Valle Castellana, Accumoli, Norcia, Acquasanta Terme, Montegallo, Cascia, Montereale, Montefortino, Preci, Capitignano, Montemonaco, Monteleone di Spoleto, Campotosto, Rocca Santa Maria e Castelsantangelo sul Nera.

 

“I risultati ottenuti con questa iniziativa sono stati straordinari: grazie al contributo degli Italiani l’incremento di raccolta di carta e cartone di settembre 2016 su settembre 2015 è stato del 3% ”, ha dichiarato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “La risposta delle famiglie italiane ha permesso di ottenere un aiuto a questi Comuni nella strada per tornare alla normalità a dimostrazione che un semplice gesto come la raccolta differenziata può diventare un grande gesto di senso civico”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui