Per la SERR 2021 riflettori puntati sulle Comunità circolari

Parte il conto alla rovescia per la tredicesima edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti. Dal 1° settembre aperte le iscrizioni

seer 2021

La SERR 2021 si terrà dal 20 al 28 novembre

(Rinnovabili.it) – Una settimana l’anno per incoraggiare tutti gli europei (e non solo) a impegnarsi nella sensibilizzazione verso una gestione sostenibile delle risorse e dei rifiuti. Questo in poche parole l’European Week for Waste Reduction (EWWR) o Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR), iniziativa nata nell’ambito del programma LIFE+. Dal 2009 a oggi, la SERR coinvolge annualmente cittadini, enti pubblici, associazioni e imprese per realizzare una partecipata ed elaborata un’elaborata campagna di comunicazione ambientale. Il crescente successo dell’iniziativa, riconosciuta a livello istituzionale dal Ministero della Transizione Ecologica, ha portato l’Italia nel 2020 a registrare quasi 3.500 azioni, diventando così la nazione con più azioni in Europa!

La tredicesima edizione avrà luogo tra il 20 e il 28 novembre, e quest’anno il focus tematico riguarderà le “Comunità circolari”. Ad annunciarlo è oggi il Comitato Promotore Nazionale della SERR, composto da CNI Unesco, Ministero della Transizione Ecologica, ANCI, Regione Siciliana, Città Metropolitana di Torino, Utilitalia, Legambiente e AICA, con E.R.I.C.A. Soc. Coop. in qualità di partner tecnico. 

Leggi anche Tariffa rifiuti: parte il nuovo MTR-2 per valorizzare recupero e riciclo

“L’eccessiva produzione di rifiuti  – spiegano gli organizzatori – è una delle maggiori minacce per il nostro pianeta. La responsabilità è condivisa, e la risposta non può che essere la collaborazione. Per questo motivo, con il tema centrale di quest’anno, «comunità circolari», la SERR 2021 intende valorizzare e promuovere azioni che permettono la creazione e il consolidamento di legami sociali all’interno di comunità locali, incentivandone uno sviluppo più circolare”. Tra le possibili azioni, ad esempio vi sono la creazione di

  • orti urbani, per condividere spazi e ridurre sprechi e rifiuti di imballaggio;
  • “oggettoteche”, per mettere in comune piccoli oggetti ed elettrodomestici;
  • catene virtuose di condivisione di vestiti di seconda mano o di cibo che altrimenti verrebbe sprecato;
  • piccoli centri di riparazione di oggetti danneggiati, per sfruttare capacità e competenze dei singoli.

Anche per il 2021 l’obiettivo sarà coinvolgere il più possibile Pubbliche Amministrazioni, Associazioni e Organizzazioni no profit, Scuole, Università, imprese, Associazioni di categoria e singoli cittadini a proporre azioni volte a prevenire, ridurre o riciclare correttamente i rifiuti a livello nazionale e locale. Sarà possibile iscriversi alla SERR 2021 da mercoledì 1° settembre fino a mercoledì 27 ottobre 2021 accedendo al sito www.ewwr.eu e registrando così la propria azione.

Leggi anche Italia sempre più libera dai rifiuti, sono 623 i Comuni ricicloni 2021

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui