Upcycling: trasformare i sacchetti di plastica in adesivi

Grazie ad un nuovo catalizzatore, un gruppo di chimici ha trasformato il polietilene riciclato in un prezioso materiale adesivo

plastica
Credits: UC Berkeley, photo by Katerina Malollari

Nuovo valore ai rifiuti in plastica

(Rinnovabili.it) – Un team dell’Università della California, a Berkeley, ha sviluppato un processo che trasforma i rifiuti di plastica in qualcosa di più prezioso: un adesivo“L’idea è prendere un sacchetto di plastica che non ha alcun valore e invece di gettarlo via, facendolo finire in discarica, trasformarlo in qualcosa di alto valore”, ha spiegato John Hartwig, chimico presso l’ateneo californiano e a capo del gruppo di ricerca. 

I rifiuti plastici rappresentano una delle maggiori preoccupazioni ambientali del mondo moderno. I polimeri vergini sono estremamente economici e possono essere progettati per offrire una vastissima gamma di proprietà; al contrario, la maggior parte della plastica riciclata offre prodotti finali molto meno versatili, avendo perso molte delle proprietà precedentemente ingengerizzate, e ad un costo produttivo maggiore. Sono ancora pochissime le realtà in grado di inserire la plastica in un vero processo di ucyclcing.

Leggi anche MyReplast Upcycling, così NextChem trasforma i rifiuti in risorse preziose

Il team dell’UC Berkeley si è focalizzato su un polimero in particolare: il polietilene, che costituisce un terzo di tutta la produzione di plastica a livello mondiale. Per rendere il riciclo più attraente, i ricercatori hanno cercato un nuovo modo per convertire i suoi rifiuti in qualcosa di più prezioso e di lunga durata. Il processo chimico sviluppato da Hartwig e dai suoi colleghi mantiene molte delle proprietà originali del materiale, ma aggiunge un gruppo chimico al polimero che lo fa aderire al metallo. Una proprietà normalmente molto scarsa. Il suo team ha dimostrato che il polietilene modificato può anche essere verniciato con lattice a base d’acqua. 

Leggi anche Cambridge Dictionary, “Upcycling” è la parola dell’anno

Ciò è stato ottenuto mediante un processo catalitico, che ha richiesto lo sviluppo di un catalizzatore ingegnerizzato, il polifluorurato rutenio porfirina. Questo elemento può operare alle alte temperature necessarie per fondere la plastica mentre è immerso in un solvente non polare. L’aggiunta di una piccola quantità di alcol rende l’adesivo 20 volte più appiccicoso. Sebbene il processo non sia ancora economico, la capacità del polietilene riciclato di aderire agli oggetti offre un nuovo potenziale in una serie di applicazioni, dalle protesi a ginocchio o anca, all’isolamento di fili metallici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui