In Veneto i rifiuti si trasformano nella buona economia

A bordo del Treno Verde a Vicenza le undici realtà premiate da Legambiente che accompagneranno il viaggio del convoglio ambientalista fino a Bruxelles

In Veneto i rifiuti si trasformano nella buona economia

 

(Rinnovabili.it) – La green economy veneta ha radici profonde e innumerevoli germogli “circolari”. Lo dimostrano gli undici campioni regionali della circular economy premiati oggi da Legambiente. I rappresentanti delle realtà venete che già hanno investito in questo nuovo modello economico, hanno raccontato la loro esperienza a bordo del Treno Verde, che fino a domani farà tappa a Vicenza.

 

“La nostra regione è riconosciuta come modello di eccellenza, sia a livello nazionale che europeo per quanto riguarda la riduzione dei rifiuti (con oltre 200 comuni dichiarati “rifiuti free”) e l’economia circolare è ormai un motore trainante dell’economia del Veneto – dichiara Luigi Lazzaro, presidente di Legambiente Veneto -. Ne sono un esempio gli undici campioni premiati questa mattina a bordo del Treno Verde. Una “squadra” dell’economia circolare veneta che ha già una panchina molto lunga per usare una metafora calcistica. È evidente il cambio del modello di sviluppo portato avanti in questi anni”.

 

Tra le realtà premiate c’è chi gestisce il ciclo integrato dei rifiuti e chi si occupa dello sviluppo delle tecnologie ambientali di recupero energetico della frazione differenziata. C’è Mater-Biotech il primo impianto al mondo – frutto dalla riconversione industriale di un sito dismesso – in grado di produrre butandiolo direttamente da zuccheri attraverso un processo fermentativo. O l’azienda In.T.Ec che, grazie all’utilizzo del sistema Mapei Hpss, ha realizzato importanti bonifiche di terreni e di sedimenti contaminati con riutilizzo del materiale stabilizzato a differenza di tutti gli altri sistemi di solidificazione e stabilizzazione. Si tratta di un processo industriale integrato di trattamento che avviene nello stesso luogo dell’intervento di bonifica, con il risultato di trasformare il terreno e il sedimento contaminato in un materiale granulare durevole, di buone proprietà meccaniche e ottima compatibilità ambientale. Il materiale ottenuto, inoltre, è particolarmente adatto per il suo riutilizzo nei ripristini ambientali, nell’impiego per sottofondi e riempimenti e per la realizzazione di calcestruzzi.

 

Non solo attività industriali, ma anche design e moda possono trarre benefici dall’economia circolare. Come nel caso di Alisea: tutti i materiali utilizzati per la produzione dei loro oggetti sono trattati con processi di trasformazione innovativi, che garantiscono standard qualitativi praticamente identici alle materie vergini, utilizzando i più diversi materiali di riciclo, derivanti da raccolta post lavorazione, raccolta differenziata o dagli scarti di lavorazione industriale forniti dagli stessi clienti.

Favini, invece, è una società specializzata nella ideazione e realizzazione di stampi creativi e tecnici – usati dalla moda, al tempo libero, ai prodotti della scuola – ottenuti da materie prime principalmente naturali. Le carte Crush ad esempio sono prodotte riutilizzando sottoprodotti agroalimentari come caffè, nocciole, mandorle, agrumi o olive. Il tutto realizzato con energia verde al 100 per cento e salvando il 15% della cellulosa di albero. La nuova frontiera è Remake, una carta biodegradabile e compostabile al 100%.

Articolo precedenteGlifosato: le aziende produttrici stanno “comprando la scienza”
Articolo successivoIl Giappone segna il nuovo record per il fotovoltaico in silicio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui