Da oggi è in vigore la legge sugli ecoreati

Felicitazioni del ministro Galletti per l’introduzione dei reati ambientali nel Codice Penale. Il pacchetto ecoreati da oggi è ufficialmente valido

Da oggi è in vigore la legge sugli ecoreati

 

(Rinnovabili.it) – «Da oggi ecoreati nel codice penale. Ho chiamato Don Patriciello per condividere con lui la gioia per questo passo di civiltà atteso da tempo». È il testo del tweet lanciato dal ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti.

 

Se ieri, infatti, la legge sui reati ambientali è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale, oggi entrano in vigore tutte le norme. Il Codice Penale si arricchisce di un capitolo di “delitti contro l’ambiente”, per i quali è previsto il carcere, un allungamento dei termini di prescrizione e pene più severe. Non manca la possibilità di confisca preventiva, aggravante mafiosa e ravvedimento operoso.

La nuova legge, in particolare, introduce cinque nuove fattispecie:

 

Disastro ambientale: prevede condanne da 5 a 15 anni di reclusione per chi abusivamente (termine che per alcuni tarperà le ali ai giudici) altera gravemente o irreversibilmente un ecosistema o compromette la pubblica incolumità. La pena aumenta se il disastro è commesso in aree vincolate o a danno di specie protette e ridotta invece fino ad un massimo di due terzi se il reato è commesso per colpa e non per dolo.

 

Da oggi è in vigore la legge sugli ecoreati_Inquinamento ambientale: prevede condanne da 2 a 6 anni e una multa da 10mila e 100mila euro per chi abusivamente compromette o deteriora in modo significativo e misurabile la biodiversità o un ecosistema o la qualità del suolo, delle acque o dell’aria. La pena viene ridotta a due terzi in caso di assenza di dolo, mentre aumenta in caso di aggravanti quali: lesioni personali (fino a 7 anni di reclusione); lesioni gravi (da 3 a 8 anni); lesioni gravissime (da 4 a 9 anni); morte (da 5 a 12 anni) in caso di morte della persona. Ove il resto provochi eventi lesivi plurimi e a carico di più persone si applica la pena più grave aumentata fino al triplo, fermo restando tuttavia il limite di 20 anni di reclusione. Anche in questo caso la pena è ridotta fino ad un massimo di due terzi se il reato è commesso per colpa e non per dolo.

 

Traffico e abbandono di materiale ad alta radioattività: è punito con la reclusione da 2 a 6 anni e una multa fino a 50mila euro chi abusivamente “cede, acquista, riceve, trasporta, importa, esporta, procura ad altri, detiene, trasferisce, abbandona materiale di alta radioattività”.

 

Impedimento del controllo: pena prevista da 6 mesi a 3 anni per chi nega o ostacola l’accesso o intralcia i controlli ambientali.

 

Omessa bonifica: punisce con la reclusione da uno a 4 anni e multa fino a 80mila euro chiunque avendone l’obbligo non provvede alla bonifica e al ripristino. Diminuzione della pena dalla metà a due terzi per chi invece si impegna a evitare che l’attività illecita sia portata a conseguenze ulteriori o provvede alla messa in sicurezza, bonifica e, ove possibile, al ripristino dello stato dei luoghi, “prima che sia dichiarata l’apertura del dibattimento di primo grado” (ravvedimento operoso).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui