Bioenergie: la FAO presenta le buone pratiche di sviluppo

Sviluppati una serie di criteri, indicatori, buone pratiche e scelte politiche sulla produzione di bioenergia sostenibile in grado di promuovere lo sviluppo rurale e sicurezza alimentare

(Rinnovabili.it) – E’ possibile sfruttare i vantaggi legati dello sviluppo delle agroenergie e garantire che la produzione biocarburanti non venga fatta a scapito della sicurezza alimentare? La FAO ne è convinta e per questo motivo ha rilasciato ieri una serie di documenti di orientamento e strumenti strategici che consentano ai governi di assistere le comunità rurali su questo percorso. Tra i documenti diffusi sono incluse le metodologie per la valutazione ambientale e socio-economica della produzione agroenergetica, gli indicatori di misura e le buone pratiche, anche a livello politico, per promuovere lo sviluppo sostenibile delle bioenergie.

Tra pochi mesi, la comunità internazionale si riunirà in occasione della Conferenza Rio +20 per esplorare nuovi modi per combattere la povertà rurale e promuovere lo sviluppo sostenibile. La produzione di bioenergia, se intrapresa in modo responsabile e tempestivo, può aiutare gli agricoltori e gli abitanti delle zone rurali a partecipare alla costruzione di una nuova economia verde, e contribuire a contrastare gli effetti causati da decenni di investimenti insufficienti nell’agricoltura del Sud del Mondo”, ha affermato Alexander Müller, Vice Direttore Generale della FAO per la gestione delle risorse naturali e l’ambiente.

Ma lo sviluppo delle bioenergie deve evitare di minare la sicurezza alimentare, ha sottolineato Mueller, così come la deforestazione dovuta alla conversione di nuove terre per le coltivazioni bioenergetiche e gli impatti sulle popolazioni indigene. “Lo sviluppo delle bioenergie deve essere gestito con attenzione, e raggiungere gli obiettivi sociali quali uno sviluppo rurale sostenibile, la riduzione della povertà e il raggiungimento della sicurezza alimentare”. Il progetto FAO ha anche provveduto a redigere un inventario delle misure di gestione che possono essere utilizzate per affrontare gli impatti negativi ed ha esplorato come includere anche i piccoli proprietari nelle catene del valore bioenergetiche globali. E’ stato inoltre realizzato uno strumento online per valutare l’impatto potenziale dei progetti bioenergetici in materia di sicurezza alimentare.

Articolo precedenteTreno Verde 2012, il futuro è già qui
Articolo successivoAcqua: il rapporto UNICEF-OMS