Bollette energia: tornano i rincari ma con eventuali rimborsi

Il Tar Lombardia riabilita i rincari in bolletta. In caso di accertamento di fenomeni speculativi del MdD, gli utenti saranno rimborsati

Bollette energia: tornano i rincari ma con eventuali rimborsi

 

(Rinnovabili.it) – I rincari previsti nelle bollette di luce gas andranno pagati tutti, almeno fino giudizio di merito sulle possibili speculazioni del mercato del dispacciamento (MSD). Lo ha deciso il Tar della Lombardia, dopo aver inizialmente sospeso, in via provvisoria, gli aumenti scattati sulle fatturazioni energetiche degli italiani il primo luglio di questo anno. Aumenti che per stessa ammissione dell’Autorità per l’Energia sarebbero legati a fenomeni poco chiari sul mercato del dispacciamento. Il Tribunale ha emesso lo scorso venerdì un’ordinanza con la quale pur confermando l’illegittimità dei rincari tariffari, blocca la precedente sospensione.

 

Nell’ordinanza i giudici della Sezione Seconda hanno confermato l’accoglimento del ricorso del Codacons, evidenziando tuttavia la presenza di  profili  di  “particolare  ed  elevata  complessità”,  che  ne  rendono  comunque  incerto  l’esito. La data di pronunciamento è fissata per il 16 febbraio 2017. Se è vero che fino ad allora si dovrà pagare, ha anche ordinato all’Authority di predisporre un provvedimento che disponga rimborsi automatici agli utenti in caso di definitiva bocciatura dei rincari nel giudizio di merito.

 

“Nello specifico  – spiega il Codacons – il Tar Lombardia,  pronunciandosi sull’istanza presentata dell’Autorità per l’energia, sblocca i rincari tariffari per le prossime bollette,   vincolandoli però all’emanazione, entro 40 giorni,  “di un provvedimento con il quale siano predeterminate sin d’ora le modalità per la liquidazione e corresponsione automatica,  senza necessità di apposita richiesta da parte degli utenti finali, dei rimborsi spettanti a questi ultimi in caso di esito favorevole della controversia”.

“Dal Tar arriva dunque un provvedimento teso a tutelare pienamente gli utenti dall’arroganza dell’Autorità e dei gestori elettrici,  che volevano applicare gli aumenti delle tariffe nonostante questi siano stati causati da speculazioni dei grossisti – commenta il presidente Carlo Rienzi – Ora dalle prossime bollette le tariffe potranno essere maggiorate,  ma solo se l’Autorità e le società interessate adotteranno un meccanismo di rimborso automatico dei rincari in favore dei clienti, indispensabile se gli aumenti dovessero essere definitivamente bocciati nel giudizio di merito”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui