Diffondere autoconsumo e Cer, Roma ci prova con la nuova piattaforma digitale per monitorare i consumi energetici

Platoon aiuta anche a simulare scenari di autoconsumo indicando la superficie necessaria su cui installare i pannelli fotovoltaici, l’investimento richiesto e il tempo necessario per recuperare il capitale

BayWa r.e.

Platoon già testato per 1 anno: ha fatto risparmiare già oltre 1 mln di euro

(Rinnovabili.it) – Nel primo anno di rodaggio ha seguito 2500 centrali termiche e 6500 contatori elettrici di 1200 edifici, quasi tutte scuole, sparsi sul territorio di Roma. Grazie all’analisi di questi dati, ha permesso di ridurre gli sprechi del 5%. Percentuale piccola, risparmio importante: vuol dire oltre 1 milione di euro. Sono i primi risultati di Platoon, la nuova piattaforma digitale per monitorare i consumi energetici adottata dalla capitale.

Anche grazie a Platoon, il Comune punta a raggiungere “la neutralità energetica, un obiettivo che ci siamo prefissati di raggiungere entro il 2030”, ha detto stamattina l’assessora ai Lavori pubblici di Roma, Ornella Segnalini, durante la presentazione ufficiale in Campidoglio. La piattaforma è il frutto del progetto europeo “Platoon”, finanziato con i soldi del capitolo Horizon 2020 e realizzato da Roma Capitale, la sua partecipata Risorse per Roma, il Politecnico di Milano, Engeenering-Ingegneria informatica Spa, e Poste italiane.

Monitorare i consumi energetici: Roma potenzia l’autoconsumo

L’obiettivo principale dello strumento è dare un contributo concreto, puntuale e continuativo all’ottimizzazione dei consumi termici ed elettrici della città. Ma non è tutto qua. Per il momento, la fase di test ha lavorato sulle funzioni “core”, ovvero monitorare i consumi energetici di oltre un migliaio di edifici pubblici di proprietà comunale. Platoon, però, aiuta Roma anche a verificare l’efficienza degli impianti fotovoltaici installati sui tetti di parte del patrimonio immobiliare comunale. Ed è grazie a questa funzione che la piattaforma potrà essere usata per simulare scenari di autoconsumo.

Uno strumento che aiuterà la diffusione di gruppi di autoconsumo collettivo e di comunità energetiche rinnovabili sul territorio comunale, prospettando la possibilità di ulteriore spazio e potenza installabile sui tetti e calcolando l’investimento necessario a prezzi di mercato. Il cruscotto di analisi, infatti, riporta anche un’analisi sull’autoconsumo che indica se l’impianto e le altre condizioni lo permettono e qual è la superficie richiesta, oltre a una stima dei costi d’investimento e il tempo necessario per rientrare del capitale investito.

Platoon peraltro è scalabile, quindi può essere impiegata altrove anche su realtà di taglia differente da Roma. Ed è versatile: consente la lettura e integrazione di dati provenienti da fonti eterogenee e supporta lo sviluppo di gemelli digitali e di applicazioni per la realtà aumentata e virtuale.

Articolo precedenteCon il cambiamento climatico cambiano le coltivazioni
Articolo successivoGlobal Power Service e Umpi: efficientamento e servizi innovativi per le città del futuro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui