Cogenerazione: il Sud Africa punta sulle fonti rinnovabili

Puntare sulla cogenerazione per ridurre black out e aumentare la quota di energia da fonti rinnovabili. Questo quanto annunciato dal Ministro Ben Martins

Cogenerazione(Rinnovabili.it) – Buone nuove per la cogenerazione dal Dipartimento dell’Energia del Sud Africa, che ha deciso di investire tempo e risorse nelle energie a basso impatto ambientale. E’ di martedì la dichiarazione del Ministro Ben Martins che ha annunciato un impegno ancora più ambizioso per aumentare la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili. Sarebbero questi quindi gli obiettivi della terza fase del programma energetico del Ministero, che da novembre scorso è riuscito a vedere la firma di 17 progetti solo in questa ultima fase, con ben 47 sigle apposte nel corso della prima e nella seconda parte dell’iniziativa. Un impegno, quello del Dipartimento dell’Energia, che in totale è riuscito a far firmare ben 64 progetti incentrati sulla produzione di energia da fonte rinnovabili dal 2011 ad oggi.

 

Un obiettivo, quello del governo del Sud Africa, che vuole arrivare a distribuire con maggiore capillarità la presenza di impianti per la produzione di elettricità e calore sul territorio in modo da riuscire ad aumentare la produzione di energia e prevenire così il verificarsi di black out. Tra le ambizioni elencate vi è infatti il progetto di riuscire a istallare 800 nuovi MW di capacità  cogenerativa attraverso la realizzazione di nuovi impianti, il tutto da completare entro maggio.

 “L’inclusione di nuovi offerenti aggiuntivi dovrebbe permettere di aumentare il numero di produttori indipendenti di energia (IPP), contribuendo così agli sforzi del Ministero dell’Energia atti a garantire che l’energia rinnovabile costituisca una parte importante del mix energetico”, ha detto il dipartimento in un comunicato.