Digitalizzazione: Uno tsunami di dati stravolgerà la domanda energetica

Senza vere strategie dedicate all’efficienza e al risparmio energetico, la domanda del settore informatico e delle comunicazioni potrebbe aumentare fino a 3.000 TWh l’anno entro il 2025

Digitalizzazione

 

Il prezzo climatico dei data center e della digitalizzazione globale

(Rinnovabili.it) – L’industria energivora del futuro? Quella informatica e delle comunicazioni. In un mondo in cui digitalizzazione e connessione sono le due parole chiave con cui misurare il progresso della società, la domanda energetica di server farm e data center è destinata a schizzare in alto. Con gli attuali ritmi di crescita, il comparto potrebbe arrivare ad impiegare il 20 per cento di tutta l’elettricità mondiale entro il 2025. Il settore è da tempo impegnato in una lotta personale contro sprechi ed emissioni, ma diversi esperti mettono in dubbio i reali risultati ottenibili. In uno studio di prossima pubblicazione, anticipato in questi giorni dal Guardian, alcuni ricercatori  statunitensi hanno calcolato il peso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione sul bilancio climatico di domani.

 

Si scopre così che, sotto la spinta di server sempre più assetati di energia, l’industria digitale potrebbero generare fino al 3,5% delle emissioni globali dell’anno 2020, superando il trasporto aereo e quello marittimo. Senza alcuna contromisura, nel giro di appena vent’anni la percentuale raggiungerebbe addirittura il 14%.

 

Leggi anche DC4Cities, il progetto Ue riduce il consumo dei data center<<

 

La causa dietro questa escalation è facile da intuire: i nuovi processi di digitalizzazione, il numero sempre maggiore di dispositivi connessi alla rete, l’ultima generazione di apparecchi intelligenti stanno creando quello che i ricercatori definiscono uno “tsunami di dati”.

 

“La situazione è allarmante”, spiega il ricercatore Anders Andrae. “Tutto ciò che può permetterselo, viene digitalizzato. È una tempesta perfetta. Il 5G [la quinta generazione della tecnologia mobile] sta arrivando, il traffico IP è molto più alto di quanto stimato, e tutte le macchine e le macchine, i robot e l’intelligenza artificiale […] producono enormi quantità di dati che vengono archiviati nei data center”.

 

Da un lato, nei Paesi in via di sviluppo, sempre più persone hanno accesso a internet – si stima che un nuovo miliardo sarà on line nei prossimi anni – dall’altro, nei Paesi ricchi, è iniziata la rivoluzione tecnologica dell’Internet delle cose (IoT), delle automobili a guida automatica e della rincorsa all’intelligenza artificiale.

Senza vere strategie dedicate all’efficienza e al risparmio energetico, la domanda del settore  aumentare fino a 3.000 TWh l’anno entro il 2025. I centri elaborazione dati, da soli, potrebbero produrre fino a 1,9 gigatonnellate di CO2 per quella stessa data, vale a dire il 3,2% del totale mondiale.

Articolo precedenteVeneto: nuovi fondi per la rottamazione dei veicoli inquinanti
Articolo successivoIl global warming fa male all’eolico nel nord del pianeta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui