Veneto: incentivi al risparmio energetico, priorità a famiglie in difficoltà

La regione riapre i bandi regionali dedicati a migliorare l’efficienza energetica degli edifici delle famiglie non abbienti e degli enti assistenziali

incentivi al risparmio energetico

Stanziati 2,2 milioni in incentivi al risparmio energetico

(Rinnovabili.it) – La povertà energetica? In Veneto si combatte migliorando l’efficienza. La Regione ha stanziato nuovi incentivi al risparmio energetico in edilizia dedicati alle famiglie in difficoltà: oltre un milione di euro complessivi per interventi di retrofit che possono andare dalla semplice sostituzione delle luci domestiche, alla realizzazione di cappotti termici o all’installazione di caldaie efficienti.

I contributi sono il frutto di uno dei due bandi regionali dedicati all’iso razionale dell’energia, per i quali la Giunta veneta ha approvato stamane il finanziamento complessivo di circa 2,2 milioni di euro. Accanto alle misure rivolte a privati e famiglie, vi è, infatti, anche un secondo pacchetto di incentivi dedicati comuni e gli enti assistenziali. Come spiega l’assessore al sociale Manuela Lanzarin non si tratta di una vera e propria novità. Questi bandi “attivano residui dei bandi precedenti per il risparmio energetico e privilegiano le categorie meno abbienti nonché gli enti a finalità sociale, come case di riposo e case famiglia”.

 

Per i privati, sarà data precedenza in graduatoria alle famiglie con reddito Isee fino a 10mila euro, alle famiglie numerose (con 4 o più figli) e reddito Isee fino a 20mila euro, ai nuclei familiari con persone disabili o anziani, concedendo contributi fino a un massimo di 10mila euro

Sul fronte enti pubblici, avranno la precedenza gli interventi di miglioramento energetico sostenuti per servizi residenziali e semiresidenziali per anziani, disabili, minori, centri di riabilitazione, centri di accoglienza. Per loro contributi fino ad un massimo di 50mila euro.

 

>>Leggi anche Veneto, inizia la rivoluzione del bike sharing rinnovabile<<

 

“La Regione – prosegue Lanzarin – dà una mano a chi sostituisce la caldaia con un impianto più efficiente e a minor consumo, a chi investe in pannelli solari o fotovoltaici o installa le valvole termostatiche o sostituisce la vecchia stufa a legna o pellet con stufe ad alta efficienza o cambia le vecchie finestre con infissi a risparmio energetico o investe nel cappotto termico, o sostituisce le vecchie lampade con i nuovi sistemi illuminanti a Led. Così aiutiamo famiglie e servizi di assistenza a risparmiare sul costo della bolletta energetica, diamo un sostegno alle categorie più a rischio di povertà e, nello stesso tempo, aiutiamo l’ambiente”. Per tutte le informazioni consultare il sito https://sociale.regione.veneto.it.  

Articolo precedenteLa Lombardia entra nella partnership interregionale sulle batterie
Articolo successivoProdurre biometano dagli scarti di legno, un’impresa possibile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui