LATTERIA MONTELLO migliora l’efficienza con un impianto di cogenerazione AB

L’impianto evidenzia nuovamente i vantaggi della cogenerazione applicati alla filiera lattiero-casearia

LatteriaMontello(Rinnovabili.it) – Latteria Montello rappresenta un’azienda capace di coniugare l’arte dei caseifici tradizionali, tipica della Marca Trevigiana, alle più avanzate tecnologie, sia per quanto riguarda la filiera produttiva, sia per l’efficienza energetica. Una significativa dimostrazione viene dalla scelta di dotarsi di un cogeneratore alimentato a gas naturale con il quale ottenere contemporaneamente energia elettrica ed energia termica, il tutto con un consistente risparmio nei consumi e una sensibile riduzione di CO2 immessa nell’ambiente, rispetto ad un classico  sistema di produzione di energia elettrica (quale, per esempio, un gruppo elettrogeno privo di apparecchiature per il recupero dell’energia termica dei fumi).

L’IMPIANTO Ecomax®

Presso la Latteria Montello, i tecnici di AB hanno installato un impianto di cogenerazione in package modulare ECOMAX® 10NGS (http://www.gruppoab.it/soluzioni/ecomax.asp).

Il cogeneratore Ecomax®10NGS installato alla Latteria Montello è alloggiato in container e ha una potenza nominale a pieno carico pari a 1.063 kWe, con potenza termica cogenerata pari a 1.154 KWt.

Nello specifico 661 kWt provengono dal recupero termico in acqua calda, mediante scambiatore di disaccoppiamento sul circuito di raffreddamento del blocco motore, mentre 493 kWt provengono dal recupero termico dai gas di scarico mediante caldaia a tubi di fumo per la produzione di vapore a 10 bar). L’energia elettrica è interamente autoconsumata dallo stabilimento, con controllo del generatore in modalità “scambio zero” per evitare cessione di energia in rete. Analogamente, tutta l’energia termica prodotta è valorizzata all’interno del sito produttivo: il vapore è utilizzato nel processo di produzione caseario, mentre l’acqua calda è ceduta a tre differenti utenze termiche per:

– preriscaldo circuito condense, prima dell’immissione nelle caldaie vapore,

– riscaldamento dello stabilimento e degli ambienti produttivi,

– produzione di acqua calda sanitaria.

L’impianto è stato installato e reso operativo in pochi mesi dal momento dell’approvazione del piano di fattibilità. L’installazione, condotta integralmente da personale specializzato di AB, si è svolta cercando di mantenere il più possibile attivo e senza rallentamenti il flusso produttivo dello stabilimento. Le scelte tecnologiche adottate hanno consentito di ottenere elevati rendimenti in tutti i parametri operativi, riducendo notevolmente l’immissione di CO2 in ambiente rispetto ad un classico sistema di produzione di energia elettrica (quale, per esempio, un gruppo elettrogeno privo di apparecchiature per il recupero dell’energia termica dei fumi).

Per il contenimento delle emissioni inquinanti il cogeneratore si avvale di differenti tecnologie considerate le migliori disponibili. La prima riguarda la prevenzione della formazione di sostanze inquinanti mediante un’accurata regolazione della carburazione del motore, una seconda consente l’abbattimento del monossido di carbonio, generato durante la combustione, mediante catalizzatore ossidante.