Nuove etichette energetiche per pneumatici dal 1° maggio

Continua l’aggiornamento del sistema di etichettatura europea che raggiunge finalmente anche gli pneumatici di autobus e camion. Ecco le novità

etichette energetiche per pneumatici
Foto di kurtbecker1 da Pixabay

(Rinnovabili.it) – In arrivo le nuove etichette energetiche per pneumatici. L’Unione Europea ha aggiornato la normativa in materia con il Regolamento 2020/740, ridefinendo il quadro per la fornitura di informazioni armonizzate sui parametri di tali prodotti. Il provvedimento, che si focalizza essenzialmente sull’efficienza del carburante, la sicurezza e le prestazioni in termini di rumorosità, inizierà ad applicarsi a livello di consumatore dal 1° maggio 2021.

Leggi anche Etichetta energetica, cosa cambia dal 1° marzo 2021

Cosa cambia rispetto al passato? Innanzitutto i segmenti di mercato coperti dall’etichettatura UE. L’energy label è stata introdotta sulle gomme dei veicoli a partire dal 2012, ma solo per auto e furgoni. Da maggio invece anche autobus e camion saranno inclusi nel regolamento. Le nuove etichette energetiche per pneumatici presentano anche un nuovo pittogramma per evidenziare, nelle gomme invernali, l’aderenza a neve e ghiaccio. Nel complesso il sistema segue lo stesso impianto di classificazione semplificato A-E con codice colore, impiegato per lampadine ed elettrodomestici. Nel dettaglio, sono presenti 5 diverse classi per la resistenza al rotolamento e 5 per la frenata sul bagnato (corretta dalla precedente scala di 6 classi). Copre anche 2 categorie per il rumore esterno, con un’indicazione del valore in decibel (dB).

Credits: Unione Europea, 2021

“L’etichetta – spiega la Commissione Europea in una nota stampa – ha lo scopo di aiutare i consumatori a essere meglio informati quando acquistano nuovi pneumatici. L’indice di resistenza al rotolamento è un indicatore dell’efficienza energetica del pneumatico, che offre potenziali benefici in termini di minor consumo di carburante. E allunga la distanza che può essere coperta dai veicoli elettrici tra i punti di ricarica”. L’indice di aderenza sul bagnato è una misura della sicurezza fondamentale. La differenza in ogni categoria può significare 3-6 metri in più sulla distanza di arresto.

Per tenere conto delle scorte prodotte prima di maggio 2021, gli pneumatici per auto e furgoni con la vecchia etichetta potranno ancora essere venduti fino alla fine del 2021.

Articolo precedenteNasce il marchio Ecoevents, per una cultura della sostenibilità negli eventi
Articolo successivoIl BIO resiste alla pandemia ed esporta sempre di più

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui