Fraccaro: il mio Super Ecobonus senza filtri

Tra indiscrezioni ed interpretazioni è stato finalmente approvato il Superecobonus, una norma che promette di cambiare radicalmente il nostro settore attraverso il meccanismo di cedibilità del credito di imposta alle banche. Tutto ciò che c’è da sapere dalle parole di Riccardo Fraccaro, il sottosegretario che l’ha concepito integralmente.

fraccaro super ecobonus 110

Intervista esclusiva al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro sul Super Ecobonus 110%

di Mauro Spagnolo

Il Super Ecobonus 110% è stato ufficialmente varato nello scorso Consiglio dei Ministri e si attende nelle prossime ore la sua pubblicazione in Gazzetta.
Una misura che non stento a definire “esplosiva” per il nostro settore e che potrebbe imprimere una notevole accelerazione al percorso della transizione energetica. Ma come tutte le norme particolarmente innovative, anche questa, fin dalle prime anticipazioni, ha aperto un ampio dibattito in tutto il Paese e, in particolare, tra gli operatori: ci sono state manifestazioni entusiastiche, ma anche alcune interpretazioni critiche, ipotesi e smentite. Insomma un gran parlare.

Nulla di più importante, in questi casi, di arrivare alla fonte per tentare di chiarire al meglio le idee. Abbiamo quindi intervistato chi ha concepito e sta sostenendo questa coraggiosa legge, il giovane sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro.

Sottosegretario, innanzi tutto chi è Riccardo Fraccaro, da quale mondo viene prima di diventare un politico, e perché questa particolare sensibilità alla transizione energetica?
Ho conseguito la laurea in Giurisprudenza con una tesi in diritto internazionale dell’ambiente e lavorato per anni presso una società di servizi energetici occupandomi in particolare degli aspetti contrattuali e normativi. Vengo quindi dal vostro settore ed è per questo che da mesi sto lavorando alla definizione del Super Ecobonus, forse lo strumento che gli operatori hanno sempre “sognato” per dare un impulso vigoroso al loro settore.

Perché è nato il Superbonus 110%, con quali presupposti politici avete deciso di ampliare la precedente misura, l’Ecobonus, e che relazione ha con il Covid19?
In verità ho iniziato a lavorare a questa misura ben prima della pandemia, ad immaginarla, studiarla e scriverla. Credo che il suo valore sia indipendente dall’attuale situazione di crisi. A maggior ragione, in questo periodo, la ritengo necessaria.

Per quali motivi?
Perché già prima della pandemia noi avevamo un’importante crisi da affrontare: i cambiamenti climatici. Nel momento in cui i movimenti dei giovani in tutto il mondo chiedevano alla politica di sostenere ed intervenire concretamente sul problema ambientale, e molti politici e leader mondiali dimostravano una certa sensibilità, anch’io ho ritenuto di rispondere a queste sollecitazioni con una misura estremamente concreta e vigorosa. Loro chiedevano fatti e non promesse: io ho cercato di dare il mio piccolo contributo. Ho iniziato a studiare, a lavorarci, a fare del mio meglio per arrivare ad uno strumento che possa essere davvero utile a tutti.

Quale è stato il punto di partenza del suo lavoro?
Mi son chiesto qual è oggi il metodo migliore per affrontare la sfida ambientale. Questo Governo, da quando è nato, ha immediatamente fatto suoi i contenuti del new green deal, una filosofia economica, oltre ad una strategia politica, che condivido a pieno in quanto basata su una semplice considerazione: noi abbiamo attualmente la necessità di invertire rotta per ridurre le emissioni dei gas climalteranti ed evitare, nei prossimi decenni, conseguenze catastrofiche.

Per ottenere questo risultato, semplificando, abbiamo due strade: ridurre i nostri consumi, rinunciando alla nostra attuale qualità della vita, che per essere attuata avrebbe bisogno di uno shock economico pari almeno a 4/5 volte la crisi economica del 2008, perdita di migliaia d posti di lavoro, crisi sociale ed economica, e molto ancora. Oppure un’altra strada: un enorme investimento pubblico per attuare concretamente e rapidamente la transizione energetica, cioè convertire tutto ciò che oggi consuma, le nostre case, i mezzi di trasporto, le fabbriche, l’agricoltura in un modello sostenibile fino a portare la nostra società verso un impatto zero.


Partendo da queste considerazioni, perché ha scelto di intervenire sull’edilizia?
E’ semplice. Mi sono chiesto: qual è il settore che genera immediatamente un beneficio economico per tutti? L’edilizia. Storicamente, nel nostro Paese, non c’è mai stata crescita economica che non sia stata trainata dal settore delle costruzioni. Se noi riusciamo a riattivare questo settore otteniamo immediatamente più posti di lavoro, interpretando anche un obiettivo basilare della sostenibilità ambientale: non occupare ancora suolo, ma riqualificare il costruito.
Su questi presupposti è nato il Super Ecobonus.

Fraccaro Super Ecobonus

Quali risultati, in concreto, vi aspettate da questa misura?
Immaginiamo di riuscire, con questa norma, a ristrutturare un condominio per portarlo ad essere passivo, cioè a produrre energia invece che consumarla. Cosa avremmo ottenuto? Aziende che lavorano, con relativi posti di lavoro, avremo ottenuto un incremento di valore dell’immobile, più confort per chi lo abita, e cittadini economicamente avvantaggiati perché risparmiano sulle bollette e, specialmente, avremo un condominio che inquina meno o addirittura per nulla. Mi sembra che questi risultati possano davvero portare tanti vantaggi.

Leggi anche Decreto Rilancio: le misure su energia, mobilità, innovazione e agricoltura

In pratica, come funzionerà questa misura?
L’idea base è di estendere ad oltre il 100%, quindi al 110%, uno strumento che gli italiani conoscono molto bene, quello dell’Ecobonus e Sismabonus. La famiglia che vorrà ristrutturare la propria abitazione avrà la possibilità di detrarre dalle proprie tasse nei 5 anni successivi, una cifra maggiore del 10% dei costi sostenuti per realizzare i lavori. Quindi addirittura ottenendo un guadagno… 

E se la famiglia non avrà la possibilità economica per affrontare i lavori?
E’ questo il punto focale: la famiglia potrà cedere la detrazione ottenuta, che diventerà credito di imposta, all’impresa che ha svolto i lavori. Quest’ultima dovrà emettere una fattura pari a 0, avendo un credito superiore ai costi sostenuti, che utilizzerà, a sua volta, per scontarlo sulle tasse successive oppure lo potrà cedere ad un Istituto bancario o ad un’Assicurazione, per ottenere immediatamente la liquidità.

Mi sta dicendo che l’impresa potrà andare in banca e “tramutare” immediatamente il proprio credito di imposta in liquidità?
Esatto.

E per quali motivi la banca dovrebbe accettare questo meccanismo? Cosa ci guadagna?
Questo è il punto più innovativo. La banca compra quel credito di imposta dal valore di 110 a, ad esempio, 105. In questo modo ha un margine di interesse e anche l’impresa ci avrà guadagnato. Ho concepito questo plus per compensare l’attualizzazione del credito all’anno zero. Diversamente il credito, nel corso degli anni, perderebbe valore. 

Questo risolverebbe il problema lamentato da alcune imprese che, con la misura precedente, non avevano interesse ad accumulare credito di imposta…
Infatti. In questo modo vogliamo provare a risolvere il problema dando, appunto, la possibilità all’impresa di poter incassare immediatamente, ottenendo più lavori e con margini di introiti più alti.

Credo, a questo punto, che l’aspetto critico di tutto il sistema sia prevedere come reagiranno le banche. E se non accettassero il meccanismo del pagare oggi 105 per ottenere domani il 110?
Rientra nel loro specifico interesse ma il mio lavoro non è ancora finito. Ho già in agenda, in tempi strettissimi, di incontrare i manager dei più importanti istituti di credito per sensibilizzarli ulteriormente su questa misura. Vede, quando si parla di sostenibilità e di transizione energetica, bisogna essere consapevoli che non si potrà mai ottenere attraverso un meccanismo lineare, ma sempre e comunque circolare. E si potrà raggiungere il risultato solo se tutti gli attori del sistema fanno “il loro dovere”. La complessità di questa trasformazione è proprio qui: fare sistema.  E ognuno deve operare in armonia con gli altri, muovendosi tutti verso la medesima direzione. La sostenibilità non può essere a carico solo di una parte della collettività. Non funzionerà mai. Deve essere distribuita nei doveri e nei vantaggi.

Quali lavori saranno contemplati nel Super Ecobonus?
Sono contento di risponderle perché ho letto in queste ore molte interpretazioni, a volte preoccupate, relative alla tipologia dei lavori consentiti. La risposta è semplice e senza pericoli di fraintendimenti: tutti i lavori previsti nel precedente eco bonus e sisma bonus saranno contemplati nel Superecobonus, con l’aggiunta del fotovoltaico, degli accumulatori e delle colonnine di ricarica per le auto elettriche. L’importante è che la finalità dei lavori sia quella dell’intervento “complessivo”, che comprenda quindi anche il cappotto termico o la caldaia, in modo che l’intervento porti l’edificio a raggiungere almeno due classi energetiche superiori; a parte il caso della classe B dalla quale, ovviamente, si potrà passare alla A. In altre parole: questo grande sforzo pubblico deve riuscire ad aumentare concretamente il livello qualitativo del patrimonio edilizio.

Leggi anche Risparmio energetico nei condomini: i vantaggi dell’ecobonus

Abbiamo riscontrato alcune considerazioni sul “pericolo abusi”. Nel momento in cui il cittadino può non pagare nulla, le aziende potrebbero gonfiare le fatture con un danno evidente alle casse dello stato. E’ un pericolo che avete messo in conto?
Certamente. Sono stato il primo, presentando la proposta, ad evidenziare la necessità di una garanzia che gli interventi siano effettuati ad opera d’arte e a costi equi. Saranno attivati controlli a campione molto rigidi sia da parte dell’ENEA, sia da tecnici competenti che assevereranno i lavori rispondendone penalmente e, tramite le loro assicurazioni, economicamente.

Quanto durerà il Super Ecobonus?
Dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre‬ del 2021.
E’ una grande occasione per dimostrare che questo tipo di politica funziona come modello economico e sociale. Io sono convinto che se lavoreremo tutti, noi politici nello svolgere con responsabilità il nostro lavoro, le famiglie nel portare avanti questi progetti, le aziende nel realizzare con coscienza gli interventi, alla fine il vantaggio per il bilancio dello Stato ci sarà e sarà immenso. In termini economici, di nuovi posti di lavoro, di innalzamento del livello di qualità della vita dei cittadini.Se riusciamo a dimostrare che questo modello funziona, alla fine del 2021 potremo anche ipotizzare di confermare la misura dandole, addirittura, ancora più forza e determinazione.

Parliamo di procedure. Come potrà il cittadino accedere, nella pratica, a queste agevolazioni?
Credo che sia essenziale realizzare un’unica piattaforma per agevolare al massimo le procedure. Lavorerò quindi con l’ENEA, l’Agenzia delle Entrate ed il MISE per far in modo che le tre realtà partecipino congiuntamente alla gestione di un unico portale. Attendiamo nelle prossime ore la pubblicazione in Gazzetta del decreto per iniziare, operativamente, a costruire un sistema di interfaccia semplificato tra il cittadino ed Enti pubblici.

Quali passaggi istituzionali mancano al Decreto?
Anzitutto dovrà essere convertito dal Parlamento. Solo con la legge di conversione avremo l’impostazione definitiva della norma. Il mio obiettivo è di far trovare pronto tutto il meccanismo per quel giorno, seguendo attentamente i decreti attuativi, ed attivando tutti gli attori coinvolti.

Alcuni sostengono che la Ragioneria dello Stato abbia rilevato che questa misura ha degli oneri alti per lo Stato. Ma esiste la copertura economica del Super Ecobonus?
La copertura esiste perché sarà “bollinato” e pubblicato in Gazzetta. E’ vero: ci sono state alcune resistenze, ma io accetto la sfida. E’ tempo di essere coraggiosi anche nella finanza pubblica.

5 Commenti

  1. Sono veramente entusiasta che finalmente qualcuno abbia cominciato a pensarla come me, nel mio piccolo ho già installato un fotovoltaico, una pompa di calore per acqua calda e una per la climatizzazione, con oneri abbastanza importanti, ma ora devo sostituire la pompa di calore perchè è diventata obsoleta, e poi devo fare il cappotto alla casa, con questi lavori, la mia casa sarà quasi completamente autosufficente per l’energia necessaria al proprio fabbisogno, anzi produce energia in abbondanza che va immessa in rete. Mi congratulo con chi ha avuto l’idea di proseguire con questo super ecobonus, che sono certo che farà bene a tutti.

  2. Aggiungo, farà bene a tutti ma in particolare all’ambiente, spudoratamente oltraggiato da noi tutti in questi ultimi trent’anni.

  3. non mi appare il commento precedente forse ci somo dei limiti.
    In sostanza volevo dire che il problema è quanto e quando le banche pagherebbero il credito ceduto.
    Le piccole imprese non possono aspettare molto tempo altrimenti non lavorerebbero.
    Poi ci sono altri punti ma spero vengano presto risolti.
    Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui