Energia, Regione aperta al confronto coi comitati territoriali

Spano: “Partiremo da conferenze di confronto con gli enti locali, le associazioni e le realtà territoriali”

sardegna“Su diversi aspetti sollevati dai Comitati siamo sulla stessa lunghezza d’onda, altri hanno bisogno di approfondimento. Ma è importante aver aperto un confronto franco e trasparente sui temi energetici, anche in vista di una necessaria revisione del Piano energetico regionale”: questo il commento dell’assessore regionale dell’Ambiente Donatella Spano dopo l’incontro coi rappresentanti del coordinamento sardo Non bruciamoci il futuro e dei comitati Sardi InRete. “È da apprezzare questo approccio fatto non solo di “no”, ma di proposte costruttive e utili alla politica per fare le scelte migliori”, ha detto ancora l’assessore. La delegazione del coordinamento e dei comitati ha consegnato all’esponente della giunta Pigliaru un documento che riassume le ragioni della manifestazione tenutasi stamane sotto al palazzo della Regione e ribadito la richiesta di una moratoria urgente su tutti i progetti energetici in corso o programmati sul territorio sardo. “Molti punti segnalati nel documento riportano al Piano energetico regionale approvato dalla giunta precedente – ha detto l’assessore – Abbiamo intenzione di rimetterci mano quanto prima: contiene buone analisi ma poche soluzioni”. “Per farlo partiremo da conferenze di confronto con gli enti locali, le associazioni e le realtà territoriali, il metodo migliore per costruire politiche che siano condivise a tutti i livelli”. Tutte le altre richieste dei comitati, ha assicurato infine Spano, “verranno approfondite e discusse collegialmente”.