ANEV: stabilire regole certe per le turbine usate

Per evitare “un’Aquilonia bis” servono rapidamente criteri tecnici che garantiscano chi acquista turbine eoliche e chi le deve gestire.

ANEV: stabilire regole certe per le turbine usate

 

(Rinnovabili.it) – L’incidente avvenuto ieri ad Aquilonia, dove una turbina eolica ha perso il controllo sulla velocità del rotore, finendo per rompersi e cadere a terra, poteva essere evitato. Lo spiega l’Anev all’indomani dell’episodio su cui ancora si debbono essere fatte le opportune indagini tecniche.

 

L’associazione coglie l’occasione per mettere a fuoco un problema ancora non risolto nel settore: la mancanza di criteri chiari per la certificazione e l’installazione delle turbine usate. Standard tecnici che garantiscano la sicurezza del funzionamento delle macchine e la correttezza amministrativa del loro utilizzo.

Si tratta di un tema particolarmente caro all’organizzazione che rappresenta il comparto dell’energia del vento italiana e che chiede oggi che, in tempi brevi, si faccia chiarezza per evitare il ripetersi di avvenimenti simili a quello verificatosi in Irpinia.

 

“La significativa riduzione del livello di incentivazione e le lunghe e gravose procedure autorizzative che rendono incerta la tempistica e l’esito del percorso amministrativo, hanno spinto molti piccoli investitori a cercare soluzioni più economiche che purtroppo non sempre garantiscono il necessario livello qualitativo”, spiega l’Anev, ricordando però quanti già oggi sono impegnati al pieno rispetto delle norme tecniche e delle procedure operative più rigorose proprio per evitare che tali gravi eventi si possano verificare. “Questo brutto episodio deve quindi far sì che eventi analoghi non possano più accadere e devono impegnare chi è preposto a fare le verifiche del caso ad intervenire nella individuazione delle responsabilità eventualmente accertate affinché vengano puniti i responsabili”.

 

Per questo motivo l’ANEV ribadisce la propria disponibilità a condividere le best pratices che i propri associati applicano da anni per evitare eventi catastrofici di questo tipo, auspicando che “tali procedure possano essere assunte in appositi regolamenti tecnici e definite come regole necessarie anche per gli operatori che fuori dall’ANEV operano nella rigenerazione di aerogeneratori al fine di operare nel massimo rispetto dei criteri di sicurezza necessari”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui