L’eolico austriaco limitato da una nuova normativa

Il governo austriaco vorrebbe limitare l’espansione dell’eolico e riduce al 2% la percentuale di superficie sfruttabile nel nord e a sud-est di Vienna

Eolico(Rinnovabili.it) – Sta facendo preoccupare il settore eolico la proposta del governo austriaco di limitare al 2% dell’estensione territoriale lo sviluppo di parchi del vento. A causa del nuovo regime, ha dichiarato la società eolica viennese IG Windkraft sarà pressochè impossibile per il paese riuscire a rispettare gli obiettivi energetici fissati al 2030.

Secondo quanto contenuto nel progetto di legge presentato lunedì dal Ministro dell’Energia e dell’Ambiente Stephan Pernkop per rispettare la nuova normativa bisognerà non superare il limite massimo di 85 nuovi siti realizzati nell’area nord e a sud-est di Vienna. I nuovi limiti a zone andando a restringere il potenziale di una delle aree più ventose del paese mette quindi in difficoltà l’intero comparto.

“La questione ora è se gli obiettivi a lungo termine previsti dalla tabella di marcia dell’area nord-est Energy Roadmap 2030 siano ancora possibili con questa zonizzazione” hanno dichiarato i rappresentati dell’eolico nazionale definendo la nuova strategia come un duro colpo per il comparto.

 

“E’ un peccato che lo Stato abbia lasciato al settore solo il 2% della superficie dell’area con il maggiore potenziale eolico dell’Austria” ha detto l’amministratore delegato di IG Windkraft Stefan Moidl. “Finora ci sono state regole molto severe per i progetti eolici che hanno definito rigorosi requisiti di spazio limitando anche le istallazioni nelle aree naturali previsti nella Bassa Austria. La riduzione al 2 per cento del paese va ben al di là – si tratta di una drastica restrizione “.

Attualmente ci sono nella Bassa Austria 450 turbine con una capacità di circa 800 MW ma le indicazioni dello stato chiedono che vengano istallati 1900 MW di capacità entro il 2020 e 3200 entro il 2030, ha specificato Moidl.

Di contro il Ministro Pernkop ha assicurato che anche con il nuovo regolamento il piano Energy Roadmap 2030 potrebbe essere ugualmente rispettato. “L’energia eolica è diventato un pilastro del nostro approvvigionamento energetico. La Bassa Austria già oggi copre il 15 per cento della sua elettricità grazie all’energia eolica” che nel paese gode di un elevato tasso di apprezzamento.