Il più grande progetto eolico galleggiante – idrogeno? Sorgerà in Italia

L’accoppiata eolico galleggiante – idrogeno verde punta ad un nuovo record (Rinnovabili.it) – Il più grande impianto ibrido eolico galleggiante – idrogeno? Potrebbe sorgere in Italia. Il progetto c’è ed è già nella sua prima fase autorizzativa, in cui sono richieste le valutazioni di impatto ambientale e infrastrutturali. Lo hanno reso noto in questi giorni la […]

eolico galleggiante - idrogeno
Photo by Nicholas Doherty on Unsplash

L’accoppiata eolico galleggiante – idrogeno verde punta ad un nuovo record

(Rinnovabili.it) – Il più grande impianto ibrido eolico galleggiante – idrogeno? Potrebbe sorgere in Italia. Il progetto c’è ed è già nella sua prima fase autorizzativa, in cui sono richieste le valutazioni di impatto ambientale e infrastrutturali. Lo hanno reso noto in questi giorni la britannica Aquaterra Energy, società di ingegneria offshore, e l’olandese Seawind Ocean Technology, fornitore chiavi in mano di asset eolici marini.

Le due realtà hanno firmato un accordo di collaborazione attraverso il quale daranno vita a HyMed. L’iniziativa, spiegano in una nota stampa congiunta, prevede la realizzazione nelle acque profonde italiane di un mega impianto ibrido, un mix di eolico galleggiante e idrogeno che a regime dovrebbe vantare una potenza produttiva di 3,2 GW. Il vettore H2 sarà trasportato a terra tramite gasdotti o con navi verso i mercati finali.

leggi anche Produzione idrogeno verde, quando valgono le agevolazioni per l’elettrolisi

Per vedere il maxi progetto in azione si dovrà aspettare il 2027, ma Aquaterra e Seawind sono convinte che la collaborazione fornirà un’offerta unica fungendo da modello per future iniziative di energia rinnovabile offshore tra le società; incluso “Icarus”, un progetto di generazione di idrogeno da 300 MW nel sud-ovest della Grecia.

Con i governi e le imprese che riconoscono il valore dell’idrogeno come risorsa vitale per iniziative a zero emissioni nette, sicurezza energetica e protezione contro la volatilità dei prezzi del gas naturale, siamo estremamente entusiasti delle opportunità di produzione presentate da questa nuova partnership”, ha affermato Anne Haase, Renewables Director di Aquaterra Energy. “Il sistema eolico galleggiante completamente integrato e scalabile di Seawind offre un percorso chiaro per una produzione su scala industriale conveniente e siamo lieti di essere in grado di fornire il pezzo finale del puzzle”.

 L’olandese Seawind è nota soprattutto per le sue turbine eoliche onshore a due pale da 1,5 MW,  oggi ad un TRL 5. Ma l’azienda è da tempo impegnata nella costruzione di una prima turbina galleggiante Seawind a due pale da 6 MW. Con l’obiettivo di arrivare ad un aerogeneratore da 12,2 MW entro il 2025.

Articolo precedenteGuasto al Nord Stream 1 e 2: qual è l’impatto sul clima?
Articolo successivoGiornata di sensibilizzazione, lo spreco alimentare si combatte anche con le app

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui