Installata la turbina n.1 del primo impianto eolico offshore d’Italia

Renexia ha concluso le operazioni di posizionamento del primo aerogeneratore del mar mediterraneo. La prima di 10 unità realizzate nel porto di Taranto

primo impianto eolico offshore d'Italia
via depositphotos.com

Tocca l’acqua il primo impianto eolico offshore d’Italia

(Rinnovabili.it) – Si avvia verso la conclusione la travagliata storia di Beleolico, il primo impianto eolico offshore d’Italia. Renexia, la controllata del Gruppo Toto a cui è affidata la realizzazione, ha annunciato di aver completato i lavori di posizionamento della prima delle 10 turbine del parco: un aerogeneratore a fondamenta fisse da 3 MW di capacità, posizionato nella rada del porto di Taranto. E sebbene la struttura sia più facilmente classificabile come nearshore (vicino alla costa) piuttosto che offshore, l’operazione segna un momento decisivo per lo sfruttamento dell’energia eolica nel Mar Mediterraneo. Soprattutto alla luce delle difficoltà che Beleolico ha dovuto superare per ottenere il via libera.

Leggi anche Eolico offshore in Italia, il MiTE raccoglie 64 manifestazioni d’interesse

Il progetto era stato presentato, infatti, nel lontano 2008. Ma solo a luglio 2012 aveva ottenuto parere positivo per la Via e la Vas da parte del ministero dell’Ambiente, in contrapposizione con il parere negativo allora presentato dalla Regione Puglia assieme alla Soprintendenza dei beni paesaggistici. Si era quindi fatto avanti il Comune di Taranto, anch’esso contrario all’impianto. L’amministrazione locale aveva presentato ricorso al TAR di Lecce chiedendo l’annullamento dell’autorizzazione unica concessa al progetto. Ricorso bocciato prima dal tribunale pugliese e poi dal Consiglio di Stato nel 2015.

Beleolico guarda al territorio

Per l’accesso agli incentivi si è invece dovuto attendere le aste rinnovabili del 2016. In quell’anno Beleolico srl (la società di progetto che detiene i diritti) è risultata in posizione utile in posizione utile tale da ottenere una tariffa incentivante pari a 161,7 euro il MWh. La tariffa totale appare tuttavia più alta in quanto l’azienda godrà di ulteriori 40,0 euro il MWh per essere presa in carico anche la realizzazione della rete.

Oggi si entra finalmente nel vivo del progetto con la conclusione delle fasi di assemblaggio dell’aerogeneratore; operazioni supportate dalla nave cantiere MPI Resolution di Van Oord.

Leggi anche Eolico galleggiante nel mare di Sicilia, la benedizione degli ambientalisti

Il primo parco eolico offshore d’Italia (e del Mar Mediterraneo) sorgerà a circa 100 metri dalla costa su uno specchio acqueo di oltre 130.000 metri quadrati. A pieno regime le 10 turbine dovrebbero offrire 30 MW di potenza, assicurando “una produzione di oltre 58 mila MWh”, scrive Renexia. E coprendo il coprire “il fabbisogno elettrico annuo di 60 mila persone”. Nei 25 anni di concessione assegnati al progetto 25 anni, la società lavorare affinché l’indotto del parco porti vantaggi economici anche per il territorio.

Articolo precedenteBlocco cessione credito: distrutti 1 mln di posti di lavoro
Articolo successivoGlennmont investe in un programma di bond italiani per l’efficienza da 100mln

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui