Aste fotovoltaiche: il contratto solare di Adani passerà alla storia

La società Adani Green Energy trionfa alla gara indetta dalla Solar Energy Corporation of India (SECI) aggiudicandosi gli 8 GW fotovoltaici in palio, del valore di 6 miliardi di dollari.

aste fotovoltaiche
Impianto a Bathinda, Punjab. Credits: Adani Green Energy

Le aste fotovoltaiche indiane tornano a stupire

(Rinnovabili.it) – L’industria solare indiana è pronta a rialzare la testa dopo il duro impatto con il COVID-19 e le misure di blocco di questi mesi. E per farlo, sceglie di segnare un nuovo record mondiale. È di questi giorni la notizia che Adani Green Energy si sia aggiudicata l’offerta di sviluppo più grande mai assegnata nelle aste fotovoltaiche a livello mondiale. Parliamo di ben 8 GW di progetti, da realizzare in più fasi e località, messi in gara dalla Solar Energy Corporation of India (SECI). Nel dettaglio i primi 2 GW entreranno in funzione nel 2022, mentre il resto della capacità sarà aggiunta progressivamente nei 3 anni successivi.

L’opera richiederà un investimento stimato di 45.000 milioni di rupie complessivi, pari a circa 6 miliardi di dollari, ma nell’offerta è incluso qualcosa in più oltre la costruzione degli impianti. In linea con le regole nazionali, infatti Adani finanzierà l’installazione di una nuova linea di produzione di moduli e celle solari da 2 GW, che entrerà in operatività entro il 2022.

Leggi anche Solo 1,35 cent/kWh: ad Abu Dhabi la tariffa solare più bassa al mondo

In cambio, la società godrà di tariffe di vendita dell’energia più elevate di quelle concordate nelle ultime aste fotovoltaiche (indiane e non). Il contratto PPA firmato tra Adani Green Energy e SECI prevede la vendita dell’elettricità prodotto per un periodo di 25 anni ad un prezzo di 0,038 dollari al kWh.

La vittoria porta un notevole impulso al piano aziendale di accumulare un portafoglio rinnovabile da 25 GW entro il 2025. Attualmente può contare già su 15 GW installati e si è detta pronta a investire altri 15 miliardi di dollari per raggiungere il suo target. Ma soprattutto rasserena il settore in un momento abbastanza cupo della storia fotovoltaica indiana.

Leggi anche Cina e Vietnam presentano i nuovi incentivi al fotovoltaico 2020

Le misure di contrasto alla pandemia hanno colpito duramente l’economia nazionale, soffocando i flussi delle importazioni solari e ritardando 3GW di impianti solari pianificati. In realtà, Nuova Delhi è intervenuto fina dai primi momenti di crisi per aiutare l’industria verde, definendo le energie rinnovabili indiane come un comparto “essenziale”. E concedendo proroghe su proroghe. Le misure protettive non hanno però evitato il rallentamento del mercato solare. Mercato che, peraltro, ha visto più volte traballare la fiducia nei confronti del governo, soprattutto a causa di ambizioni giudicate poco realiste. Un esempio? A livello nazionale è stato stabilito un obiettivo di 100 GW fotovoltaici entro il 2022. Ad oggi l’India è riuscita a installare solo 36 GW.

2 Commenti

  1. boh.. sta politica dei mega impianti non mi convince.. quello che risparmi con economie di scala del mega progetto.. lo perdi per costruire le linee di trasmissione da realizzare ex novo per centinaia o migliaia di chilometri.. Specialmente per un paese povero come India dove oltretutto vi è “concorrenza per i terreni.. “pianto roba da mangiare o metto roba per produrre energia??” la politica principe doveva essere quella di dare contributi generosi affinchè su ogni tetto, ogni capanna del piu’ piccolo e povero villaggio doveva essere messo almeno un pannello fotovoltaico con annessa piccola batteria risparmiando sulle costosissime linee di trasmissione. Solo dopo questo ci si poteva concentrare in zone desertiche o ventose per mega impianti di fotovoltaio ed eolico..ma si sa.. le lobby e le caste stanno da tutte le parti, mica solo in Italia

  2. Commento ridicolo.. ti contraddici da solo….
    Prima cosa i siti di produzioni sono completamente inadatti allo sviluppo agricolo per mancanza di approvvigionamento idrico e altri fattori ambientali.
    Secondo poi, l’imminente e incontrollato sviluppo dell’india che oggi è il paese emergente numero 1 ha bisogno di quantitativi energetici sempre maggiori.. che facciamo ricominciamo con le centrali a carbone?? Con gli oli fossili?? Ah aspetta ci sono ecco la genialata in arrivo.. CENTRALI NUCLEARI!! Come se non ci volessero quasi 20 anni dal progetto alla costruzione, per non parlare dei dei siti di stoccaggio delle barre esauste un vero e prorio regalo millenario alle generazioni future..

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui