La Francia trasforma le Isole in test per l’accumulo fotovoltaico

Selezionati 33 progettisti che dovranno realizzare 52 MW di fotovoltaico (dotato di batterie) su tetti e terreni delle isole francesi

La Francia trasforma le Isole in test per l’accumulo fotovoltaico

 

(Rinnovabili.it) – Oggi è quasi impossibile parlare di crescita delle energie rinnovabili senza considerare nel discorso anche l’energy storage. Lo sa bene anche la Francia che nel suo rinnovato slancio verso le green energy nazionali ha deciso di creare laboratori ad hoc dove sperimentare il matrimonio tra fotovoltaico e accumulo.

 

Attraverso un bando di gara, il ministero francese dell’Ambiente, dell’Energia e il Mare, ha selezionato 33 vincitori  che realizzeranno altrettanti progetti di impianti solari integrati con sistemi di accumulo. Dove? In Corsica e negli altri territori insulari d’oltre mare: Guadalupa, Guyana e Martinica e Réunion.

 

Sono questi infatti i terreni sperimentali dove si tenterà di dimostrare la fattibilità di una produzione energetica pulita più che competitiva con le fonti tradizionali. “La transizione energetica e la crescita verde – spiega il ministero in una nota stampa – sono una vera opportunità per le zone non interconnesse, che detengono un enorme potenziale sul fronte dello sviluppo delle energie rinnovabili. La legge sulla transizione energetica per  una crescita verde fissa l’obiettivo di raggiungere l’indipendenza energetica nei territori d’oltremare”. 

 

Il ministro per l’ambiente Ségolène Royal, nominando i vincitori (a cui spetta il compito di mettere a regime un volume di potenza totale di 52 MW), ha spiegato che ogni progetto potrà beneficiare di tariffe incentivanti ad un prezzo di energia elettrica ponderato di 204 euro al MWh. Secondo le previsioni del ministero, l’iniziativa di promozione dell’accumulo fotovoltaico dovrebbe portare fino a 140 milioni di euro in investimenti e produrre 70 GWh di elettricità pulita ogni anno.

“Il bando  – continua il ministero – si propone di fornire energia solare, fonte particolarmente adatta ai sistemi elettrici delle isole, con progetti innovativi che integrino tecnologie di stoccaggio a pannelli installati su edifici, tettoie di parcheggio o a terra, migliorando la sicurezza e la domanda”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui