Portale autoconsumo fotovoltaico, apre la sezione “grandi consumatori”

È online “Potenziale fotovoltaico”, la nuova sezione della piattaforma GSE dedicata ai soggetti con oltre 500.000 kWh di consumi annui e interessati a produrre energia solare. Sa oggi è inoltre possibile richiedere al Gestore una valutazione tecnico-economica anche per l’installazione di impianti eolici in autoconsumo

portale autoconsumo fotovoltaico gse
CC0 Public Domain

Sul Portale autoconsumo fotovoltaico del GSE già censiti oltre 160mila m2 di aree disponibili all’installazione di 21 MW solari

(Rinnovabili.it) – Il Portale autoconsumo fotovoltaico del GSE apre anche i “big consumer”. La piattaforma, lanciata a novembre 2019, è stata creata per aiutare i cittadini ad orientarsi nel mondo della produzione solare. Come? Permettendo a quanti intendano dotarsi di un impianto fotovoltaico, di effettuare simulazioni dettagliate sul dimensionamento e i costi dell’opera.

Da oggi questo servizio è a disposizione anche di imprese e Pubblica Amministrazione. Il Gestore ha inaugurato stamane una nuova sezione del portale autoconsumo fotovoltaico espressamene dedicata a chi vanta una domanda elettrica annua di oltre 500.000 kWh.

L’obiettivo è sempre lo stesso: stimolare la diffusione dell’energia solare in generazione distribuita, facilitando tutte le fasi iniziali. La piattaforma del GSE permette, infatti, di ottenere una simulazione dettagliata dell’impianto, del prezzo, dei tempi di ritorno dell’investimento e persino delle soluzioni finanziarie (prestito o noleggio) e gli incentivi disponibili. Le uniche informazioni iniziali di cui la piattaforma ha bisogno sono: l’indirizzo dell’immobile, i consumi annuali e la superficie disponibile all’installazione dei pannelli.

 

On line la sezione “Potenziale fotovoltaico”

La nuova sezione della piattaforma è stata chiamata “Potenziale fotovoltaico” e mira a mettere in contatto l’offerta degli operatori del settore fotovoltaico, con la domanda dei grandi consumatori che vogliano installare pannelli sulle loro aree industriali o sui loro edifici. Una mappa permette di individuare quanti soggetti, commerciali e industriali, hanno già chiesto al Gestore un’analisi tecnico-economica sulla redditività di un futuro impianto fv. Ad oggi quella stessa mappa mostra un potenziale di 21,3 MW solari realizzabili su un totale di 166.695 metri quadrati di superfici disponibili.

Il Portale autoconsumo fotovoltaico accompagna gli utenti passo passo con un’apposita guida che elenca anche i vari passaggi burocratici, aiutando nella compilazione del modello unico per lo snellimento delle pratiche. Ma soprattutto aiuta i soggetti a orientarsi nel mondo degli incentivi e a simularne i benefici: se per i privati è possibile detrarre dall’Irpef il 50% dei costi di realizzazione, le imprese possono usufruire del nuovo credito d’imposta che sostituisce il super ammortamento dell’investimento. Questo bonus consente all’imprenditore di maturare un credito nei confronti dello Stato pari al 6 per cento delle spese sostenute per l’acquisto delle componenti impiantistiche.

 

>>leggi anche Generazione distribuita e fotovoltaico, il mercato italiano si evolve <<

 

Inoltre, in mancanza di batterie o sistema di accumulo, l’energia prodotta può essere valorizzata attraverso il cosiddetto Scambio sul Posto. Si tratta di una particolare forma di autoconsumo che permette agli permette agli utenti di compensare l’elettricità consumata proveniente dalla rete con quella prodotta e a sua volta immessa in rete perché non utile in quel determinato momento. 

Sempre per imprese private e Pubblica amministrazione, il GSE  ha attivato inoltre una specifica sezione dove  è possibile effettuare la valutazione tecnico-economica per l’installazione di impianti eolici in autoconsumo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui