La produzione fotovoltaica italiana continua a crescere

Lo scorso mese, secondo i dati di Terna, gli impianti fotovoltaici hanno prodotto 3.146 GWh pari al 13,4% della produzione elettrica nazionale e in aumento del +7,4% sulle performance di agosto 2021.

produzione fotovoltaica italiana

 Bene il solare, male idroelettrico ed eolico. E la produzione da FER non supera 38,2%

(Rinnovabili.it) – La produzione fotovoltaica italiana continua a crescere. Merito delle condizioni soleggiate di questi mesi ma anche dei progressi lato nuovi impianti. Da gennaio a luglio 2022, il settore ha installato ben 1.281 MW, passando da un totale cumulato di 22,5 GW a fine 2021 a 23,8 GW del 31 luglio (dati Gaudì). Per una produzione di circa 21.165 GWh nei primi sette mesi dell’anno. 

leggi anche Modello unico semplificato per fotovoltaico fino a 200 kW, ora in vigore

Un buon andamento che ha permesso, almeno in parte, di controbilanciare, la caduta libera dell’idroelettrico e il calo dell’eolico. Dopo i picchi di aprile e maggio, la produzione rinnovabile italiana netta ha tirato il freno, passando da una quota del 43,9% sul totale (dato di maggio) ad un 38,2% (dato di agosto). Nel complesso la produzione elettrica da FER si attesta su una media del 37,4% sul totale, in riduzione rispetto al progressivo 2021 (44,5%).

I numeri appartengono a Terna, il gestore della rete di trasmissione, che nel suo ultimo report mensile fornisce anche il quadro di domanda e consumi elettrici in generale. Si scopre così nel mese di agosto, l’Italia ha consumato complessivamente 25,9 miliardi di kWh di energia elettrica; un valore in diminuzione del 2,6% rispetto allo stesso mese del 2021. La domanda è stata soddisfatta per l’89,3% con la produzione nazionale e per la quota restante (10,7%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. Il rapporto mostra come la produzione elettrica italiana netta sia cresciuta dell’1,1%, raggiungendo i 23,4 miliardi di kWh. Si registra inoltre una diminuzione dell’import di elettricità (meno 21,1%) e una crescita dell’export (più 34,9%).

leggi anche Le cinque “C” dell’agrivoltaico 2022

L’indice IMCEI elaborato da Terna, che prende in esame i consumi industriali delle imprese cosiddette “energivore”, registra una flessione del 15,2% rispetto ad agosto del 2021. Positiva la variazione solamente del comparto della chimica.

Articolo precedenteRoot2Res, progettare una agricoltura resiliente
Articolo successivoVerso il taglio obbligatorio consumi elettricità, ecco la proposta dell’UE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui