Litio dalla geotermia, in UK il primo impianto europeo

La Cornovaglia diventerà la sede del primo impianto pilota di recupero del litio dalle salamoie geotermiche. Il progetto è stato finanziato dal Governo con 4 milioni di sterline.

Litio dalla geotermia
Foto di Andreas Senftleben da Pixabay

Il primo impianto pilota di litio dalla geotermia sorgerà a United Downs

(Rinnovabili.it) – La Cornovaglia potrebbe diventare, con le dovute proporzioni, il Cile europeo per la produzione di litio. La piccola contea inglese è da diversi anni nelle mire del Governo britannico grazie alla presenza di numerose sorgenti calde contenente questo metallo.  L’esplorazione delle potenziali fonti è iniziata in maniera massiccia nel 2018, attraverso un ambizioso progetto di imaging satellitare. Un team di scienziati informatici della Satellite Applications Catapult (SAC), assieme alla Cornish Lithium, ha impiegato le tecnologie satellitari per indagare le formazioni geologiche e creare una “mappa prospettica” delle risorse sotterranee.

Leggi anche In Cornovaglia si testano i satelliti alla ricerca del litio

Oggi la corsa all’elemento numero uno dell’accumulo elettrochimico aggiunge in Cornovaglia un nuovo tassello: il primo progetto europeo di produzione del litio dalla geotermia. L’iniziativa porta anche in questo caso la firma della Cornish Lithium. La società in collaborazione con la Geothermal Engineering (GEL) realizzerà presso il sito di geotermia profonda a United Downs, un nuovo impianto pilota. Finanziato con 4 milioni di sterline dal Governo UK, il progetto mira a dimostrare la fattibilità dell’estrazione del litio dalla salamoie sotterranee.

“Siamo lieti di esser stati coinvolti in questo progetto insieme a GEL, data la possibilità di creare un nuovo settore per la Cornovaglia”, ha affermato Jeremy Wrathall, fondatore e CEO di Cornish Lithium. “Riteniamo che la Contea abbia il potenziale per diventare il ‘polo dei metalli per batterie’ del Regno Unito, continuando così una storia di 4.000 anni di produzione mineraria e innovazione industriale”.

Lo sviluppo dell’impianto è supportato dalle risorse del Getting Building Fund, fondo governativo che cerca di stimolare la ripresa post-COVID-19. “Il finanziamento accelererà in modo significativo il nostro lavoro per dimostrare che il litio può essere prodotto in modo sostenibile, a zero emissioni di carbonio, e ci consentirà di accelerare iniziative simili in altre località della Cornovaglia una volta che l’impianto sarà stato completato”, ha aggiunto Wrathall.

Leggi anche Se la geotermia dà una mano all’industria del Litio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui