Il settore idroelettrico promette rispetto per i Siti Patrimonio dell’Umanità

L’annuncio arriva dall’International Hydropower Association (IHA) nel corso del Congresso Mondiale sulla Conservazione della Natura a Marsiglia. Ma per il WWF non basta

settore idroelttrico
Foto di Free-Photos da Pixabay

Nuovi impegni ambientali per il settore idroelettrico mondiale

(Rinnovabili.it) – Mai più progetti sui siti UNESCO e obbligo di diligenza per quanti costruiscono centrali in aree protette legalmente designate. Questi i nuovi impegni ambientali presi dal settore idroelettrico mondiale. L’International Hydropower Association (IHA) li ha annunciati ufficialmente a nome di un centinaio di aziende e sviluppatori, nel corso del Congresso Mondiale sulla Conservazione della Natura a Marsiglia.

Leggi anche Da Marsiglia ultima chiamata per la tutela della biodiversità

“Il settore idroelettrico può portare enormi vantaggi come fonte […] a basse emissioni di carbonio, fornendo uno stoccaggio pulito per l’energia solare ed eolica e aiutando a proteggere i sistemi dai blackout”, ha commentato amministratore delegato dell’IHA, Eddie Rich. Tuttavia, come per qualsiasi progetto infrastrutturale, anche la sua costruzione può comportare impatti sull’ambiente locale che devono essere mitigati”.

I nuovi impegni ambientali sono stati assunti a seguito di un processo di dialogo e confronto tra i membri dell’associazione – che gestiscono collettivamente circa un terzo (450 GW) della capacità idroelettrica installata a livello mondiale – l’UNESCO e l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).

Nel concreto, oltre a imporre un divieto sui siti patrimonio dell’Umanità, il comparto si impegna a implementare elevati standard di prestazione e trasparenza in caso di progetti che interessino Aree Protette (anche quelle candidate) e i relativi corridoi. Attenzioni che dovrebbero esser certificate attraverso il nuovo “standard di sostenibilità” dell’energia idroelettrica, che sarà lanciato l’8 settembre 2021 dal palco del World Hydropower Congress. “Riteniamo che i progetti rinnovabili in tali aree debbano soddisfare standard di prestazione i più elevati e dimostrare chiaramente come offrano benefici netti all’ambiente in generale”, ha aggiunto Rich.

leggi anche I AM Hydro, 11 idee innovative per l’idroelettrico di domani

Sarà sufficiente? Non secondo il WWF. “Vietare i progetti nei siti UNESCO può essere visto come il primo passo per l’industria, ma è un passo molto piccolo poiché non esclude nuovi sviluppi in altre aree protette, comprese le zone umide di Ramsar”, ha affermato Stuart Orr, WWF Global Freshwater Lead. “Il settore è chiaramente ancora impegnato nella costruzione di dighe e impianti in aree protette, il che non farà altro che esacerbare la crisi della natura”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui