La Germania è pronta a sfidare la Cina sulle fuel cell

Il vice ministro dell’economia Thomas Bareiss ha fatto sapere che la Germania proseguirà con la tecnologia delle celle a combustibile per competere con la velocità e le dimensioni del gigante asiatico

fuel cell
Foto di Erich Westendarp da Pixabay

La Germania è stata una delle prime nazioni europee ad entrare nel mercato delle fuel cell

(Rinnovabili.it) – La Germania è uno dei più avanzati Paesi in Europa sul fronte delle fuel cell. Da tempo università, istituti di ricerca e aziende hanno lavorato per  consolidare il comparto e acquistare la leadership europea. Basti pensare a Siemens che ha aperto le porte a questa tecnologia fin dagli anni ’50. A rendere forte il settore è ovviamente anche l’appoggio del Governo che ha elargito finanziamenti quasi costanti nell’ultimo decennio: il ministero dell’energia ha infatti lanciato il primo “Programma nazionale di innovazione tecnologica sull’idrogeno e le celle a combustibile” nel 2006, per rinnovarlo come programma NIP2 nel periodo 2016-2025. 

 

Per la Germania non è tuttavia il momento di sedersi sugli allori. Al contrario, il Paese inizia a sentire la pesante concorrenza dell’industria cinese, il cui mercato delle fuel cell sta crescendo a ritmi impressionanti. Secondo l’agenzia di stampa statale Xinhua News, la capacità installata a livello nazionale è cresciuta del 642,6 per cento nei primi sette mesi dell’anno, rispetto al dato del 2018.

Intervenendo ad conferenza sull’energia a Monaco, il vice ministro dell’Economia Thomas Bareiss ha fatto sapere che la Germania proseguirà con la tecnologia delle celle a combustibile per competere con la velocità e le dimensioni del gigante asiatico. “Le celle a combustibile sono molto complesse e siamo ben posizionati in questo mercato, ma la Cina fa di più”, ha detto Bareiss, parlando dal palco dell’evento.

 

>>Leggi anche Germania, pronta a divenire leader nelle tecnologie dell’idrogeno<<

 

Berlino si sta progressivamente impegnando a decarbonizzare la propria industria e il settore dei trasporti, puntando anche sulle potenzialità dell’idrogeno. La tecnologia delle fuel cell sarà pertanto tra quelle che contribuiranno a sostituire i sistemi energetici e di mobilità basati sui combustibili fossili, e sui cui si aspettano decisioni di ampia portata nella prossima riunione di Gabinetto, il 20settembre 2019.

La conferenza di Monaco, come riporta la Reuters, è stata anche l’occasione per il vice ministro Bareiss di riaffermare che la nazione manterrà aperte le sue opzioni sull’approvvigionamento di gas, siano esse pipeline o terminali di sbarco per il gas naturale liquefatto, per mantenere buoni rapporti con tutti gli esportatori.

 

>>Leggi anche Antracite: la Germania inizierà a chiudere le centrali dal 2020<<

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui