IEA: “piaccia o no, il carbone è qui per rimanere”

Secondo lo studio dell’Agenzia internazionale le incisive politiche cinesi per ridurre la dipendenza del carbone hanno determinato un rallentamento nella crescita, ma la domanda asiatica resta sostenuta

IEA: “piaccia o no, il carbone è qui per rimanere”(Rinnovabili.it) – “Piaccia o no, il carbone è qui per rimanere ancora per lungo tempo”. Così il direttore esecutivo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), Maria van der Hoeven, commenta i dati del nuovo Medium-Term Coal Market Report. Il rapporto, pubblicato ieri, rivela che la domanda mondiale di carbone è destinata a crescere ad un tasso medio del 2,3% all’anno fino al 2018, nonostante il trend abbia subito un leggero rallentamento rispetto al passato (-0.3 punti percentuali). “Il carbone è abbondante e geopoliticamente sicuro e gli impianti sono facilmente integrabili nei sistemi energetici esistenti. Con vantaggi come questi, è facile capire perché la domanda di carbone continuerà a crescere”, ha affermato van der Hoeven. “Ma è altrettanto importante sottolineare che il carbone, nella sua forma attuale è semplicemente insostenibile”.

 

A fare da freno sono soprattutto le nuove politiche energetiche adottate dalla Cina per rinverdire i propri approvvigionamenti. Benché la Repubblica Popolare sia destinata ad occupare il primo posto nella classifica dei consumatori di carbone (con il 60% della nuova domanda mondiale nel corso dei prossimi cinque anni), gli sforzi del governo per incoraggiare l’efficienza energetica e diversificare la produzione di elettricità intaccheranno in maniera evidente la crescita, rallentando l’aumento della domanda a livello globale; tuttavia la relazione non proietta il picco di carbone per la Cina nei prossimi cinque anni, e il consumo e la produzione della nazione resterà comparabile a quella di tutti gli altri paesi del Mondo messi insieme. “Durante i prossimi cinque anni, in Cina, la gassificazione del carbone contribuirà di più alla fornitura di gas rispetto shale gas”, ha spiegato Keisuke Sadamori IEA direttore della sezioni Mercati energetici alla IEA. Storia diversa per l’Europa dove la febbre del carbone si rivelerà temporanea e la domanda scenderà di oltre il 6% entro il 2018.