L’Ue invita a rafforzare la rete energetica del Mare del Nord

L’Europa rinnova la richiesta di collaborazione affinchè lo sviluppo della rete energetica del mare del Nord possa procedere in linea con le proprie potenzialità

Rete energetica del Mare del Nord(Rinnovabili.it) – Un gruppo di parlamentari europei provenienti da paesi differenti ha firmato una dichiarazione congiunta che punta all’espansione della rete energetica del Mare del Nord conosciuta con il nome di North Seas Countries Offshore Grid Initiative ricordando l’importanza della cooperazione tra le dieci nazioni firmatarie.

Siglata nel dicembre 2010 l’intesa inizialmente contava sulla collaborazione di 16 paesi e di diverse agenzie ambientali ed energetiche, pronte a sostenere l’espansione della rete seguendo quanto consigliato da uno studio appositamente elaborato.

 

Nonostante i buoni propositi l’EUFORES, la rete di parlamentari europei che promuove lo sviluppo, l’efficienza energetica e le rinnovabili sottolinea la necessità di un maggiore coinvolgimento delle parti interessate al fine di integrare e sfruttare interamente le potenzialità delle tecnologie di integrazione disposizione. “La cooperazione va rafforzata e cristallizzata in progetti dimostrativi che saranno in grado di svolgere un ruolo esemplare per quanto riguarda l’impiego di tecnologie di integrazione delle energie rinnovabili e lo sviluppo dei mercati” ha specificato Jan Geiss, segretario generale del Forum europeo per le fonti energetiche rinnovabili (EUFORES) ricordando che “L’iniziativa per la rete marina dei paesi del Mare del Nord deve essere presa più seriamente e dovrebbe concretizzarsi in piani di finanziamento e in integrazioni di mercato dei progetti di energia eolico offshore”.