La Cina rassicura sul carbone: avrà un ruolo ‘meno dominante’

La fonte fossile più inquinante rappresenta ancora il 60% del mix elettrico del colosso asiatico. Il governo gli sta ritagliando un ruolo complementare alle rinnovabili, per assicurare “flessibilità alla rete elettrica”. Entreranno in funzione nuove centrali a carbone nei prossimi anni, ma Pechino non le userà “su larga scala”

Carbone: per la Cina è complementare alle rinnovabili
via depositphotos.com

Nuovi dettagli sulla politica di Pechino sul carbone

(Rinnovabili.it) – Il carbone avrà “un ruolo meno dominante” nel mix elettrico cinese. E sì, la Cina ha in cantiere un gran numero di nuove centrali. Che entreranno in funzione, nonostante i nuovi obiettivi sul clima annunciati da Pechino. Ma il paese non li utilizzerà “su larga scala”. Dopo una settimana di pressioni crescenti, la Cina dà qualche dettaglio in più su come pensa di conciliare questa fonte fossile con la sua azione climatica.

Al Leaders Summit on Climate di settimana scorsa, il presidente Xi Jinping è arrivato con pochi annunci nuovi. Uno dei più importanti riguardava proprio il carbone, tasto dolente per Pechino visto che rappresenta ancora il 60% del suo mix elettrico. Xi ha assicurato la platea di 40 leader mondiali riuniti dall’omologo americano Joe Biden che le prime sforbiciate al carbone avverranno tra il 2025 e il 2030 e saranno graduali.

Leggi anche Leaders Summit on Climate: tutti gli annunci sul clima della prima giornata

Impegno molto vago. A cui ieri ha aggiunto qualche dettaglio un alto funzionario del ministero cinese dell’Ambiente. “In passato il carbone era la principale fonte di energia. In futuro svolgerà il ruolo di fornire flessibilità alla rete elettrica”, ha spiegato Li Gao, direttore generale del dipartimento per il Cambiamento climatico del dicastero. Per poi aggiungere: “Ora abbiamo ancora bisogno di una certa quantità di carbone … ma non svilupperemo il carbone su larga scala, questo è molto chiaro e rigorosamente regolamentato”.

Li non ha fornito alcuna cifra, né sulla nuova capacità installata da carbone che dovrebbe andare online nel prossimo quinquennio o decennio, né tanto meno su quale quota nel mix elettrico dovrebbe scendere il carbone e entro quando. Il funzionario ha però notato che le centrali a carbone che entreranno in funzione saranno di nuova generazione, quindi meno inquinanti di quelle attuali.

Leggi anche Il boom del carbone cinese fa infuriare Xi Jinping

Il messaggio che passa è che la Cina non vuole accantonare in fretta il carbone, ma ritagliargli un ruolo più specifico come back-up per compensare le fluttuazioni delle rinnovabili. Un passaggio graduale, quindi, che vede questa fonte fossile ancora al centro della strategia energetica cinese per lungo tempo.

1 commento

  1. CHIACCHIERE E CHIACCHIERE PER FAR CONTENTE LOBBY CARBONE SULLA PELLE DEI POLMONI CINESI E DEL RESTO DEL MONDO..BASTAVA UNA REGOLA SEMPLICE SEMPLICE: OGNI IMPIANTO NUOVO CHE ENTRA IN FUNZIONE NE CHIUDIAMO L’EQUIVALENTE DEI PIU’ VECCHI COSI LA CIFRA PUO’ ANCHE ESSERE INVARIATA NEL BREVE TERMINE MA LE EMISSIONI SCENDONO UTILIZZANDO TECNOLOGIE MODERNE E DISMETTENDO QUELLE PIU’ INQUINANTI
    HANNO FEGATO I CINESI DI ESPORSI COSI? NOOO? E VOGLIONO FARE LA SUPER POTENZA?? QUESTA E’ DEBOLEZZA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui