La Germania del dopo Merkel litiga sull’addio al carbone

Il 26 settembre i tedeschi andranno a votare per il rinnovo del parlamento. Tra i temi più caldi della campagna elettorale c’è la data del phase out del carbone

Phase out del carbone: la Germania non cambia idea

Un accordo negoziato per anni tra governo e industria aveva fissato la data di scadenza del carbone al 2038

(Rinnovabili.it) – Tenere il phase out del carbone al 2038 oppure anticiparlo per dare più slancio alla politica climatica nazionale? Questo dibattito sta diventando uno dei temi principali su cui si accapigliano i partiti tedeschi in vista delle elezioni politiche che si terranno il prossimo 26 settembre.

E sul carbone la grande coalizione forgiata negli ultimi 15 anni dalla cancelliera Merkel sta iniziando a mostrare sempre più crepe. I cristianodemocratici della CDU non sentono ragioni. L’addio al carbone è stato fissato al 2038 e non c’è nessuna ragione per anticiparlo. Il partito guidato dal candidato cancelliere Armin Laschet è vicino agli interessi dell’industria estrattiva e usa l’argomento del “non siamo ancora pronti”: per abbandonare il carbone bisogna prima assicurarsi una capacità installata sufficiente, senza mettere a repentaglio la sicurezza energetica nazionale.

Leggi anche La Germania accelera: nuovo target di riduzione delle emissioni, -65% al 2030

I socialdemocratici della SPD sono in una posizione molto più delicata. Erano al governo insieme a Merkel quando e stato approvato il phase out del carbone nel 2038. Criticare la data significa tirarsi la Zappa sui piedi e sconfessare anni di lavoro. O almeno ammettere di non essere riusciti a fare abbastanza, schiacciati nel ruolo di junior partner di coalizione. Così provano a tenere il piede in due scarpe: la data non deve cambiare, ma Olaf Scholz, il candidato del partito, ha dichiarato di sperare di poterla anticipare al 2034 se sarà sufficiente la capacità installata da fonti rinnovabili.

I verdi con Annalena Baerbock vorrebbero invece rivedere del tutto l’accordo stretto Berlino e l’industria del carbone. Il partito accoglie l’opinione della task force di esperti che consiglia l’esecutivo sul clima e vuole l’addio al combustibile fossile già nel 2030. Solo questa data sarebbe compatibile con il nuovo livello di ambizione climatica della Germania.

Leggi anche Il no di Merkel ad anticipare il phase out del carbone

Infatti, il 30 aprile scorso la Corte costituzionale ha obbligato Berlino a politiche climatiche più ambiziose. Il tribunale ha dato ragione ad alcuni giovani attivisti per il clima, appoggiati dal movimento dei Fridays for Future e da ong come la rete europea di Friends of the Earth. La politica climatica tedesca, recita la sentenza, non tutela abbastanza i diritti delle nuove generazioni e va modificata.

Il governo ha cambiato i suoi obiettivi sul clima in appena una settimana, aumentando di 10 punti percentuali il target di riduzione delle emissioni al 2030, alzandolo al 65% rispetto ai livelli del 1990. Ma questa nuova soglia non sarebbe realistica se il carbone resta nel mix energetico fino al 2038, sostengono gli esperti governativi e il mondo ambientalista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui