Addio carbone, il Portogallo completa il phase out 9 anni in anticipo

Lisbona ha spento l’impianto di Pego. Era la seconda fonte di emissioni di gas serra a livello nazionale. Il sito potrebbe però essere riconvertito in una centrale a biomasse e bruciare pellet

carbone
Foto di Benita Welter da Pixabay

Salgono a 4 i paesi europei che hanno abbandonato il carbone

(Rinnovabili.it) – Il Portogallo dice ufficialmente addio al carbone. Nel fine settimana, Endesa ha spento la centrale di Pego, circa 150 km a nord-est di Lisbona e l’ultimo impianto del paese a fare uso di questo combustibile fossile. Il paese lusitano è il 4° in Europa a portare a termine il phase out del carbone, dopo Belgio, Austria e Svezia.

Il processo era iniziato a Bonn, nel 2017, durante la COP23. In quella sede, Lisbona si era impegnata a ripulire il suo mix elettrico ed energetico dal carbone entro il 2030. Da allora è stata una accelerazione continua. A gennaio 2021, ad esempio, è stato messo offline l’impianto di Sines, due anni prima del previsto. “Il Portogallo è l’esempio perfetto di come, una volta che un paese si impegna ad abbandonare il carbone, il ritmo del phase out accelera inevitabilmente. I benefici della transizione alle rinnovabili sono così grandi che, una volta iniziato, ha solo senso uscire dal carbone il più velocemente possibile”, commenta Kathrin Gutmann di Europe Beyond Coal.

Leggi anche Sul phase out del carbone l’Europa è a metà strada

Altri paesi europei si stanno seguendo lungo una parabola simile. Gran Bretagna, Grecia, Ungheria e Danimarca hanno scelto di muoversi più rapidamente e al momento sono 21 i paesi europei che hanno ultimato il phase out o hanno annunciato una data. A marzo era stato spento il 162° impianto a carbone d’Europa sui 324 totali: l’Europa è più che a metà strada. Anche se alcuni paesi nelle ultime settimane hanno fissato date molto lontane per chiudere il capitolo carbone: la Polonia nel 2049, la Bulgaria nel 2038 o nel 2040.

Con la chiusura del sito di Pego, il Portogallo saluta per sempre la sua seconda fonte di emissioni di gas serra a livello nazionale. Ma l’impianto da 682MW potrebbe essere riconvertito in una centrale a biomasse che brucerebbe pellet di legno. È una delle opzioni allo studio da parte del governo, anche se il ministro dell’Ambiente João Pedro Matos Fernandes ha fatto sapere che Pego potrebbe anche lasciare il posto a un sito produttivo di pannelli solari oppure di veicoli elettrici. (lm)

Leggi anche COP26, Glasgow stecca sul phase out del carbone

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui