Addio alla centrale a carbone di Bełchatów, la più inquinante d’Europa

Prolungare le attività dell’impianto oltre il 2030 aprendo una nuova miniera di lignite a cielo aperto a Zloczew non è conveniente sotto il profilo economico, conclude l’azienda nazionale dell’energia PGE. Così Varsavia prova a prometterne la chiusura per accedere al Just Transition Fund di Bruxelles

Centrale a carbone di Bełchatów: la Polonia la chiude nel 2036
Credit: b3tarev3 via Flickr | Public Domain Mark 1.0

La centrale a carbone di Bełchatów copre circa il 20% del fabbisogno elettrico polacco

(Rinnovabili.it) – Tra le pieghe del piano di ripresa post pandemia della Polonia c’è un addio importante per la transizione energetica del paese. Varsavia promette a Bruxelles lo stop della centrale a carbone di Bełchatów, l’impianto più inquinante di tutta Europa. Questo almeno è quello che si legge sul piano – ancora provvisorio – della regione di Lodz per accedere ai fondi del Just Transition Fund europeo, destinato proprio ad accompagnare il passaggio delle economie più fragili del continente verso un assetto più clima-neutrale.

La Polonia di recente ha raggiunto un accordo tra governo, industria e parti sociali sulla data di phase out del carbone. Sarà nel lontanissimo 2049, un orizzonte che permette – almeno in teoria – alle centrali di prolungare la loro attività per altri 3 decenni. Ma la PGE, l’azienda statale dell’energia che gestisce centrali e miniere, si sta muovendo diversamente. Non per motivi climatici, ma sulla base di analisi costi-benefici.

Leggi anche Sul phase out del carbone l’Europa è a metà strada

Dopo una revisione del progetto, la PGE ha abbandonato l’idea di aprire una nuova miniera di lignite a cielo aperto presso Zloczew. Il sito sarebbe servito esclusivamente per alimentare la centrale a carbone di Bełchatów ed estenderne le operazioni oltre il 2030. Operazione che, tuttavia, a conti fatti risulta non convenire sotto il profilo economico: sarebbe soltanto uno spreco di soldi.

Da qui, a cascata, la decisione di dire addio alla centrale di Bełchatów. Il documento preparato per ottenere i fondi europei stima una data di chiusura definitiva dell’impianto compresa tra il 2030 e il 2036. L’impianto a lignite da 5 GW è di proprietà della PGE Elektrownia Bełchatów SA (ancora per poco: l’azienda sta scorporando gli asset legati al carbone, anche per alleggerire il fardello del debito) ed è responsabile del 20% della produzione elettrica nazionale. Ogni anno l’impianto emette in atmosfera circa 37 Mt di CO2. La sua chiusura è quindi un tornante fondamentale per la transizione energetica polacca. Il paese, il cui mix elettrico dipende in larghissima parte dal carbone, punta su centrali a gas e nucleare per una transizione soft, ma sta anche avviando progetti sull’eolico.

Leggi anche La Polonia adotta la prima legge sull’eolico offshore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui