Domanda di petrolio e CO2, potrebbero aver raggiunto il picco nel 2019

Secondo la società di consulenza DNV GL le ramificazioni economiche e comportamentali del COVID-19 ridurranno in modo significativo la domanda energetica globale a lungo termine, accelerando il declino delle emissioni

domanda di petrolio
Credits: skeeze (pixabay.com)

Nuove stime sulla domanda di petrolio 2050

(Rinnovabili.it) – La pandemia di COVID-19 è destinata a mutare per sempre produzione e consumi globali. A cominciare dalla domanda di petrolio mondiale che, nonostante i primi lenti segnali di ripresa, potrebbe aver raggiunto il suo picco nel 2019 senza possibilità future di tornare ai livelli pre crisi. Questa, perlomeno, è la previsione di DNV GL, società di consulenza norvegese, secondo cui anche le emissioni di CO2 avrebbero toccato l’apice nel 2019

Nulla sarà come prima secondo DNV LG, ma la sfida alla decarbonizzazione è tutt’altro che vinta. Nel documento Energy Transition Outlook (testo in inglese), la società stima che i consumi energetici globali al 2050 saranno inferiori dell’8% rispetto a quanto precedentemente stimato. Le cause di questa riduzione sono da cercare nei cambiamenti comportamentali e delle abitudini quotidiane in fatto di viaggi, pendolarismo e smart-working. Elementi che si rifletteranno direttamente sulla domanda di petrolio e in parte anche sulla produzione di ferro e acciaio.

Leggi anche Concentrazione atmosferica di CO2: nuovo picco nonostante la crisi

Secondo gli esperti norvegesi, i consumi del settore dei trasporti non torneranno mai ai livelli pre-pandemici, provocando una ristagno nel marcato dei combustibili petroliferi. E se a questo dato si aggiunge il continuo e rapido declino dell’uso del carbone, si capisce perché anche per le emissioni di CO2 abbiano stimato un superamento del picco.

Picco delle emissioni, ma la decarbonizzazione è troppo lenta

Tuttavia, anche con un calo dei gas serra e una domanda energetica piatta fino al 2050, la transizione ecologica non è ancora abbastanza veloce da soddisfare gli obiettivi climatici dell’Accordo di Parigi. Secondo gli analisti di DNV GL per mantenere l’aumento della temperatura mondiale sotto 1,5 gradi, dovremmo replicare il calo emissivo del 2020, praticamente ogni anno.

Per mettere il tutto in prospettiva, l’impatto del coronavirus su consumi energetici ha garantito all’umanità solo un altro anno di emissioni “ammissibili” prima che l’obiettivo di 1,5 °C sia perso per sempre (nel 2029); e appena un paio di anni prima che il budget di carbonio per il target dei più 2 ° C sia esaurito (nell’anno 2050).

“Siamo ancora a un bivio critico. Fondamentalmente abbiamo le tecnologie per realizzare l’ambizione di Parigi, ma abbiamo bisogno di politiche più intelligenti per ridimensionare queste tecnologie molto più velocemente. Il COVID-19 ha causato enormi sofferenze umane, ma allo stesso tempo ci ha dimostrato quali misure possono essere implementate rapidamente su vasta scala”, ha affermato Remi Eriksen, Presidente e CEO di DNV GL. “Questa è un’opportunità che non può andare sprecata. I governi e le istituzioni devono cogliere questa opportunità per avere un impatto duraturo sulla decarbonizzazione”.

Leggi anche Clima: la crisi del petrolio è la prova del nove delle compagnie petrolifere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui