Rinnovabili: 7 Stati Membri scrivono all’UE, “urge target 2030”

I ministri dell’Ambiente e dell’Energia di 7 Paesi hanno inviato alla Commissione europea una lettera in cui sottolineano la necessità di inserire nel pacchetto 2030 anche un obiettivo vincolante sul consumo delle green energy

Rinnovabili: 7 Stati Membri scrivono all’UE, “urge target 2030”(Rinnovabili.it) – I ministri di Germania, Italia e altri cinque Stati membri hanno chiesto all’Unione europea di fissare un obiettivo vincolante al 2030 per l’uso di energie rinnovabili. Il target andrebbe ad affiancare quello sulla riduzione delle emissioni del 40% già presente nel nuovo pacchetto comunitario clima-energia, la direttiva che sostituirà il famoso “20-20-20” ormai in scadenza. Per perorare la causa i ministri dell’energia e dell’ambiente dei sette Paesi hanno inviato alla Commissione europea una lettera in cui sottolineano la necessità di inserire nel pacchetto 2030 anche un obiettivo sul consumo delle green energy.

 

Germania, Italia, Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Irlanda e Portogallo sono dunque unanimi nel voler sostenere le fonti alternative con impegni precisi a livello dei Ventotto, posizione che non ha invece riscontrato il favore del Regno Unito. La Gran Bretagna infatti, fin dal principio si è schierata per l’imposizione di un unico target vincolante nella nuova direttiva clima- energia, ovvero quello inerente il taglio delle emissioni di CO2. Ed Davey, segretario britannico per l’Energia e il Climate Change, così come alcune associazioni di settore, sostengono che un singolo bersaglio potrebbe essere più economico, dando ai governi maggiore flessibilità nella scelta di come ridurre tali emissioni. L’ultima parola spetta ovviamente all’Esecutivo che dovrebbe presentare il pacchetto 2030 il 22 gennaio per iniziare un processo legislativo che potrebbe richiedere almeno due anni.