Corte dei conti: 6 Paesi Ue in ritardo sugl’obiettivi rinnovabili 2020

Francia, Olanda, Irlanda, Regno Unito, Lussemburgo e Polonia difficilmente raggiungeranno il 20% dei consumi energetici da fonti rinnovabili secondo il report della Corte dei conti Ue.

obiettivo rinnovabili 2020L’Italia e altri 10 Paesi comunitari hanno già superato l’obiettivo europeo a medio termine di consumi da rinnovabili

 

(Rinnovabili.it) – L’Ue deve utilizzare più energia eolica e solare: è quanto si evince dalla relazione della Corte dei conti europea sulla prossimità agli obiettivi di consumo energetico da fonti rinnovabili dei Paesi membri. Secondo il report, 6 Stati europei rischiano seriamente di non raggiungere gli obiettivi fissati per il 2020 (almeno il 20% dei consumi energetici nazionali garantito da fonti rinnovabili), mentre altri 11 sono prossimi all’obiettivo, ma necessitano comunque di un ulteriore salto in investimenti e diffusione di impianti “verdi”.

 

Francia, Olanda, Irlanda, Regno Unito, Lussemburgo e Polonia sono i 6 Paesi che molto probabilmente non riusciranno a raggiungere il 20% di consumi da fonti rinnovabili per la fine del prossimo anno. Secondo il report della Corte dei conti, ognuno di questi Stati dovrebbe aumentare di oltre il 4% annuo la propria dipendenza da fonti rinnovabili per rientrare nell’obiettivo comunitario; una crescita di difficile attuazione se si considera che in Francia, ad esempio, dove le rinnovabili rappresentano ad oggi il 16,3% del mix energetico, la crescita è stata lentissima negli ultimi 15 anni (il report parla di +0,5% annuo a partire dal 2005).

 

Altri 8 Paesi (Belgio, Germania, Spagna, Cipro, Malta, Portogallo, Slovenia e Slovacchia) dovrebbero aumentare l’utilizzo di rinnovabili in una percentuale tra il 2% e il 4%, mentre 11 Paesi membri (Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Croazia, Italia, Lituania, Ungheria, Romania, Finlandia e Svezia) hanno già superato quota 20% di rinnovabili nel mix energetico.

 

Anche grazie all’impegno degli Stati che hanno già raggiunto l’obiettivo a medio termine, la percentuale media di energia da fonti rinnovabili utilizzata in Ue tocca quota 17,5%, quasi il doppio rispetto al 2005, quando si attestava al 9,1%. A sollevare la media europea ci pensano gli altissimi tassi di energia rinnovabile di Paesi come la Svezia, che tocca la percentuale record del 54,5%, a controbilanciare i risultati negativi di altri Stati membri come Lussemburgo e Olanda, fanalino di coda dell’Unione con rispettivamente il 6,4% e il 6,6% di consumi nazionali garantiti da fonti rinnovabili.

 

>>Leggi anche Costi tecnologie rinnovabili ai minimi: l’elettricità delle fer conviene<<

 

Il report della Corte dei conti registra anche l’andamento del mercato rinnovabili in Europa: dopo una forte espansione tra il 2005 e il 2014, il vecchio continente ha visto una sostanziale contrazione, dovuta soprattutto al ridimensionamento delle sovvenzioni per le nuove installazioni.

La Corte ha rilevato che, in diversi casi, i primi regimi di sostegno erano stati eccessivamente sovvenzionati, risultando in prezzi dell’energia elettrica più alti e maggiori disavanzi pubblici. Dopo il 2014, quando gli Stati membri hanno ridotto il sostegno finanziario per alleggerire l’onere gravante sui consumatori e sui bilanci nazionali, la fiducia degli investitori è diminuita e si è verificato un rallentamento del mercato.

 

Di qui, il sostegno della Corte dei conti all’organizzazione di aste per assegnare capacità di produzione aggiuntiva da rinnovabili, per determinare il prezzo di offerta e promuovere la partecipazione dei cittadini all’economia verde e incrementare gli investimenti.

 

Ma occorrono anche maggiori sforzi in sistemi di monitoraggio e statistici affidabili, nella creazione di strumenti finanziari che favoriscano la realizzazione di infrastrutture di rete e per semplificare le procedure e i permessi di costruzione. Insomma, un impegno a tutto tondo per evitare che l’Europa del futuro, quella proiettata all’obiettivo del 32% medio di utilizzo di rinnovabili per il 2030, non viaggi a due o più velocità sul tema della sostenibilità energetica.

 

>>Leggi anche Rinnovabili: in Italia il 34,4% dell’elettricità consumata è verde<<

 

Articolo precedenteEnergia rinnovabile: approvata in Senato la risoluzione sull’autoconsumo
Articolo successivoOgni anno 570mila tonn di plastica finiscono nel Mediterraneo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui