UK, la produzione di elettricità zero emissioni tocca il 48%

L’operatore di rete National Grid presenta i dati a consuntivo. Idroelettrico, eolico e fotovoltaico hanno premuto sull’acceleratore ma il nuovo record britannico è merito anche del nucleare

elettricità zero emissioni
CC0 Public Domain

 

Per la prima volta l’elettricità senza emissioni britannica supera la produzione fossile

(Rinnovabili.it) – Ottima annata, quella del 2019 per le rinnovabili britanniche. Le green energy, e in particolare i parchi eolici nelle acque del nord, hanno aiutato il Regno Unito a smarcare il comparto elettrico dalla pressione delle fonti fossili. Secondo quanto riferito dalla National Grid, infatti, l’anno che si è appena concluso ha segnato un nuovo record per l’elettricità senza emissioni targata UK, raggiungendo il 48,5 per cento del mix produttivo dell’isola. Carbone, gas e petrolio si sono dovute spartire un 43 per cento, quota significativamente inferiore rispetto al 2018. Il restante 8,5 per cento è stato coperto invece dalle biomasse. 

I dati vanno ovviamente presi con le pinze: nella percentuale di elettricità senza emissioni calcolata dall’operatore di rete, la voce nucleare affianca eolico, idroelettrico e fotovoltaico. In altre parole il sorpasso è avvenuto anche grazie all’atomo nonostante non manchino meriti e risultati esclusivi delle rinnovabili. Uno di questi riguarda il terzo trimestre 2019: per tre mesi il parco rinnovabile UK ha generat29,5 TWh elettrici contro i 29,1 TWh forniti dalle fossili. E sebbene il distacco possa sembrare piccolo e il sorpasso sia stato momentaneo, l’evento è considerato dagli esperti di settore una pietra miliare nel percorso di sviluppo energetico britannico. Solo 10 anni fa, infatti, carbone e gas avevano il dominio quasi assoluto del settore elettrico, fornendo un contributo 10 volte maggiore rispetto l’attuale.

 

>>Leggi anche L’UK si prepara alle turbine eoliche offshore più grandi al mondo<<

 

Un altro piccolo record verde è stato raggiunto a maggio, quando per 18 giorni consecutivi la Gran Bretagna è riuscita a fare a meno delle sue centrali termoelettriche a carbone grazie al contributo delle FER. Una prima volta unica per la storia del Paese, dal 1882 a oggi.

Il repentino calo dei costi rinnovabili, unitamente ad un comparto eolico sempre più forte e potente, ha fatto la differenza. Al punto che negli ultimi cinque anni, la quantità di capacità rinnovabile è triplicata, raggiungendo nell’estate 2018 i 41,9 GW. Di contro le fonti fossili hanno perso terreno, tra impianti a fine vita e costi in aumento, diminuendo la capacità cumulata di un terzo, a 41,2 GW. 

 

Parchi eolici, i moduli fotovoltaici e impianti idroelettrici ora generano poco più di un quarto dell’elettricità britannica, rispetto al 2,3% nel 1990. L’energia nucleare rappresenta il 17%, (nel 1990 la quota era al 20%), mentre il carbone è andato via via perdendo terreno. Tuttavia, l’uso del gas è aumentato di pari passo e oggi genera il 38% dell’energia rispetto a solo lo 0,1% del 1990.

“Mentre entriamo in un nuovo decennio, questo (risultato) rappresenta davvero un momento storico e un’opportunità per riflettere su quanto è stato realizzato”, ha commentato l’amministratore delegato della National Grid, John Pettigrew. “Alla National Grid, sappiamo di avere un ruolo fondamentale nell’accelerazione verso un futuro più pulito e siamo impegnati a fare la nostra parte nel fornire un sistema energetico sicuro, che funzioni per tutti”.

Articolo precedenteHimalaya, i laghi glaciali sono a rischio esondazione
Articolo successivoVolkswagen, entro il 2025 il Gruppo produrrà 1,5 milioni di auto elettriche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui