Giardino verticale: una prateria di vantaggi secondo Paesajismo Urbano

    L’impresa ha portato a termine da poco il giardino verticale più grande dell’Uruguay, ed è leader nel mondo per superfici verdi costruite

    Giardino verticale una prateria di vantaggi secondo Paesajismo Urbano.(Rinnovabili.it) – Dopo aver portato a termine il giardino verticale più grande dell’Uruguay, Paisajismo Urbano è diventata l’impresa di design e green building con più metri quadri di muri vegetali costruiti al mondo. Il record uruguayano è stato raggiunto grazie alla progettazione di una superficie verde di 300 mq, per la quale sono state utilizzati 6 mila esemplari di piante, provenienti da 35 specie e 10 famiglie differenti. Il sistema di costruzione è pensato sia per far interagire le diverse specie, sia per dare un valore estetico agli edifici. Ma il bersaglio grosso è quello dei benefici ambientali che ne ricavano le città, in questo caso Montevideo. Il progetto, in concreto, filtrerà più di 165 tonnellate di gas serra ogni anno e produrrà l’ossigeno necessario alla respirazione di 255 persone.

     

    Paesajismo Urbano si è spinta anche al di fuori dell’Uruguay, portando i suoi progetti in Spagna, Bolivia, Ecuador, Cile, Colombia. Tra i lavori più noti, spicca sicuramente quello concluso nella città di Quito, capitale ecuadoregna. Nove giardini verticali ripartiti tra le facciate esterne e quelle interne degli edifici, per un totale di 1.000 metri quadri e più di 30 mila piante. Non molte di più rispetto alle 25 mila dell’Hotel Gaia di Bogotà, in Colombia, anch’esso figlio di un progetto dell’impresa uruguayana.

     

    I benefici ambientali dei giardini verticali non si fermano alla riduzione di CO2 e all’emissione di ossigeno. Sono anche un deterrente per l’effetto “isola di calore” delle grandi città. Infatti sono in grado di abbassare fino a 5 gradi la temperatura interna di un palazzo in estate, così come di mantenere invece il calore in inverno. Riescono a catalizzare molta acqua piovana, riducono l’inquinamento acustico e catturano i metalli pesanti. I vantaggi sarebbero anche economici, dato che una facciata verde incrementerebbe il valore dell’immobile fino a quote del 15-20%.

    Articolo precedenteFiper: la biomassa legnosa ha bisogno di regolamenti chiari
    Articolo successivoCollegato Ambientale, la Commissione Bilancio rimescola le carte

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui