Green Air Hotel: i nuovi alberghi cinesi che producono aria pura

    Riqualificare vecchi alberghi trasformandoli in Green Air Hotel, edifici dotati di “polmoni verdi” per purificare l’aria interna e diminuire l’inquinamento

    5 Green Air Hotel- i nuovi alberghi cinesi che producono aria pura

     

    (Rinnovabili.it) – Trasformare vecchie e fatiscenti strutture alberghiere cinesi, in lussureggianti hotel capaci di ridurre l’inquinamento, producendo contemporaneamente ossigeno ed aria pulita. Sono i Green Air Hotel, l’originale idea scaturita dalle menti di un gruppo di progettisti cinesi, Lip Chiong e Studio Twist, già vincitrice del primo premio nella competizione Radical Innovation, che unisce un nuovo modo di concepire le strutture ricettive alla possibilità di migliorare la qualità della vita dei cittadini.

     

    Secondo i progettisti di Studio Twist in Cina sarebbero oltre 200.000 le strutture alberghiere private intrappolate all’interno di edifici fatiscenti che avrebbero bisogno di un’urgente riqualificazione. Il problema dell’inquinamento indoor non è assolutamente da sottovalutare, essendo un ambiente ristretto infatti, il problema della presenza di agenti inquinanti può diventare 10 volte superiore rispetto all’inquinamento esterno, causando problemi diretti alla salute degli occupanti.

     

    5 - Green Air Hotel- i nuovi alberghi cinesi che producono aria pura - www.studio-twist.com

     

    Nati da una ricerca scientifica condotta dalla NASA, i Green Air Hotel sono dei veri e propri produttori di aria fresca, attraverso l’installazione di grandi “polmoni verdi” direttamente sull’edificio, per favorire la purificazione dell’aria e migliorare l’aspetto degli edifici.

    La proposta di Studio Twist prevede di installare giardini pensili sui tetti e sulle facciate dei Green Air Hotel, sfruttando la coltivazione idroponica direttamente  sui balconi per creare un filtro naturale tra interno ed esterno, favorendo anche l’isolamento termico. Accanto al verde pensile i Green Air Hotel saranno dotati di piccole foreste interne, collocate nell’atrio ed affiancate al sistema di condizionamento e ricambio d’aria, in modo da prelevare l’aria pura filtrata dalle piante prima di immetterla nel sistema.