Il Cottage Zero Energy che azzera i consumi

    Il cottage Rose applica l’omonima metodologia per azzerare i consumi ed ottimizzare l’efficienza, arrivando ad un edificio quasi completamente Zero Energy

    Rose cottage(Rinnovabili.it) – Nella città di Concord, nel New Hampshire il costruttore e progettista Harold Turner ha deciso di mostrare le potenzialità Zero Energy dei suoi edifici, costruendo un vero prototipo completo di tutti gli accorgimento eco-efficienti del suo metodo di progettazione ROSE Construction Method (RCM).

    Il Rose Cottage è più che alto una vetrina di tecnologie e pratiche legate all’efficienza energetica ed alla progettazione passiva, con una struttura estremamente tradizionale e costruita mantenendo i costi all’interno di un regime accettabile (1.900$ al mq).

    Nonostante il design del Cottege Zero Energy non sia particolarmente accattivante, il costruttore è riuscito a sfruttare al meglio le caratteristiche del sito, orientando la casa per massimizzare la luce naturale ed indirizzare al meglio i pannelli solari e soprattutto realizzando un organismo edilizio capace di resistere anche ai rigidi inverni della regione.

    Un involucro esterno costruito secondo i principi Passivhaus limita i consumi riducendo al minimo le dispersioni termiche grazie all’utilizzo di uno spesso strato d’isolante, alla scelta dei tripli vetri per le superfici vetrate ed allo sfruttamento dell’irraggiamento solare naturale, diminuendo il guadagno solare in estate ed aumentandolo in inverno.

    Ma il risultato Net Zero Energy è raggiunto solo grazie all’integrazione tra le scelte passive ed i sistemi attivi.

    Due pompe di calore geotermiche ed un impianto solare termico connessi all’impianto radiante a pavimento, forniscono l’acqua calda necessaria sia per gli usi sanitari che per il riscaldamento invernale ed il raffrescamento estivo. La copertura fotovoltaica fornisce 13,8 kW di energia elettrica sufficiente a coprire la totalità dei consumi.

    Un sistema per il recupero dell’acqua piovana riduce i consumi idrici mentre il sistema di ventilazione meccanica assicura il corretto ricambio d’aria all’interno delle stanze.

    Come in molti green building il ruolo forse più importante nell’efficienza energetica è assicurato dal sistema di controllo computerizzato, “il cervello” dell’intera abitazione, capace di gestire al meglio i consumi e la produzione energetica degli impianti, risparmiando energia.