La ricetta per isolare casa con zucchero, limone e vetro riciclato

    L’innovativa lana di vetro prodotta con sabbia, vetro riciclato ed un legante a base di zucchero e limone per isolare casa

    La ricetta per isolare casa con zucchero limone e vetro riciclato(Rinnovabili.it) – Un cocktail totalmente naturale per isolare casa con le massime prestazioni, è l’ultima evoluzione della lana di vetro prodotta da un mix di ingredienti ecologici e rinnovabili. Bastano sabbia, vetro riciclato ed uno speciale legante a base di zucchero e limone per ottenere una soluzione isolante estremamente efficace e sostenibile per pareti perimetrali e divisorie, sistemi a secco, sottotetti e pavimenti.

     

    La ricetta per questa innovativa lana di vetro Isover 4+ è stata brevettata nei laboratori italiani si Saint-Gobain che per primi avranno il compito a livello internazionale, di mettere in produzione e di commercializzare la nuova soluzione “bio” per isolare casa garantendo ottime prestazioni acustiche e la massima protezione contro il fuoco.

    Essendo realizzato con materiali rinnovabili e naturali come la sabbia, lo zucchero ed il limone, l’innovativa lana di vetro permette inoltre di migliorare la qualità dell’aria degli ambienti interni eliminando completamente eventuali emissioni inquinanti causati dalla presenza di VOC (composti organici volatici) dannosi per la salute degli occupanti.

    Garantire la massima protezione isolante ai nostri edifici, eliminando i dannosi ponti termici, è uno dei punti chiave per ridurre le dispersioni termiche massimizzando i livelli di risparmio energetico, per abbattere nello stesso tempo le emissioni inquinanti. Dato che il comparto edilizio è uno dei più energivori, l’efficientamento delle costruzioni attraverso riqualificazioni mirate, la costruzione di nuove abitazioni ada alte prestazioni e l’impiego di materiali ecologici, come questa particolare lana di vetro, è sicuramente il primo passo da compiere in direzione di una progettazione ad impatto quasi nullo, richiesta sollecitata anche a livello europeo con le Direttive sull’efficienza energetica.

    Sarà dunque un compito esclusivamente italiano quello di produrre e distribuire al mercato mondiale la nuova lana di vetro per tutto il 2014 ed il 2015.

    Articolo precedenteTracciabilità dell’agroalimentare, il vero obiettivo dell’EXPO 2015
    Articolo successivoConcorso ECCO: un cubo di sostenibilità per le spiagge de La Maddalena