Prefabbricati a energia zero: a Pechino il Xuhui Demonstrative Project

    Progettato per seguire gli standard BREEAM e LEED, il Xuhui Demonstrative Project è un complesso di prefabbricati a energia zero, che fungerà da spazio di condivisione e aggregazione sociale

    prefabbricati-a-energia-zero-e

     

    Il complesso di prefabbricati a energia zero è dotato di un cortile permeabile che conserva e purifica l’acqua piovana

     

    (Rinnovabili.it) – Una piattaforma sperimentale per edifici prefabbricati a energia zero. È il Xuhui Demonstrative Project, un complesso di prefabbricati in legno che servirà da spazio di condivisione e aggregazione sociale al Blocco Xuhui n. 26 nel distretto Shunyi di Pechino. Realizzato da SUP Atelier, uno studio di architettura con sede a Pechino, il complesso funge da progetto dimostrativo per le tecnologie energetiche a zero emissioni. Oltre a seguire gli standard BREEAM e LEED, entrambi certificazioni internazionali sull’efficienza energetica, l’impronta ecologica e la sostenibilità degli edifici, il Xuhui Demonstrative Project vanta una serie di funzioni sostenibili, tra cui la prefabbricazione a basso spreco di rifiuti edili e i tetti verdi, e l’ottimizzazione del risparmio energetico e dei livelli di confort attraverso il monitoraggio in tempo reale e l’automazione intelligente.

     

    >>Leggi anche Savona è la prima città ad ottenere la certificazione LEED in Europa<<

     

    Il progetto si compone di tre prefabbricati a energia zero – un centro fitness, una sala riunioni e un book cafe, che funge anche da spazio espositivo – al centro dei quali si trova un cortile centrale permeabile, che conserva e purifica l’acqua piovana. Il design modulare che caratterizza ogni unità ha consentito flessibilità e ridotti sprechi di costruzione; ai tre edifici, prefabbricati in legno, si accede tramite passerelle anch’esse fatte di legno. Per far fronte ai freddi inverni di Pechino, gli edifici sono avvolti da un involucro in legno a doppio strato ad alte prestazioni e da facciate composte da doppi vetri fotovoltaici. I tetti sono rialzati e dotati di dispositivi di canalizzazione dell’aria che facilitano la mitigazione del calore estivo e promuovono la ventilazione naturale. L’energia rinnovabile del complesso viene ricavata da pannelli fotovoltaici posizionati ad hoc, mentre per il riscaldamento è stato preferito un sistema ibrido che utilizza energia solare termica e una pompa di calore.

     

    >>Leggi anche In Australia la casa solare di Tesla è in grid parity<<

     

    I tre spazi di condivisione offerti dal Xuhui Demonstrative Project di Pechino possono essere prenotati dagli utenti direttamente online. Per i progettisti che hanno firmato il progetto si tratta di una piattaforma sperimentale che ha messo a punto un meccanismo integrato di progettazione-costruzione-test-feedback. “Con l’aiuto della tecnologia dell’informazione – spiegano i progettisti in una nota – è possibile analizzare , l’analisi di indicatori sostenibili può portare avanti metodi di implementazione, che possono adattarsi a edifici di nuova costruzione e rinnovati in aree fredde o servire come prototipi in entrambi i progetti pubblici e residenziali”.

     

    GUARDA IL PROGETTO

     

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui